Graziella

Gattara alla terza generazione, arabista per formazione, traduttrice per lavoro, vive con un compagno allergico ai gatti. Dai Paesi vesuviani alla campagna romagnola, non è riuscita a mantenere l’anonimato, venendo presto scovata da una combriccola di gatti malandati e viziatissimi. Considerata pazza anche dai nuovi vicini, ha preso atto della fondatezza di tale ipotesi. Dice sempre che prima o poi scriverà un libro sulla sua vita coi gatti, ma poi pensa a quanti alberi vengono abbattuti per stampare libri di persone con velleità artistiche e decide di desistere. Forse. Chissà. Magari, impiegando carta riciclata…

Gattari da legare: le case (e i gatti) dell'infanzia

Non c'è casa senza gatto, nemmeno nei ricordi Continua...

Gattari da legare: lo scatto felino, il salto umano

Continua...

Gattari da legare: "I gatti sono maleducati"

Il maleducato non è il gatto, è chi dice che il gatto è maleducato. Continua...

Gattari da legare: una questione di responsabilità

Se adottate un animale, ne sarete responsabili per sempre. Continua...

Gattari da legare: il boss del quartiere

Un gatto a caccia nel mio giardino. Continua...

Gattari da legare: il gatto agita la coda, il cane scodinzola

Un cane che scodinzola mette sempre ansia a una gattara Continua...

Gattari da legare: settembre, un bel mese per le adozioni

Settembre: il mese perfetto per le adozioni (come gli altri 11)! Continua...

Gattari da legare: cantami, o Diva

Gatti che miagolano. Anzi, cantano. Ogni santa notte... Continua...

Gattari da legare: cucciolate miste

Quando i cuccioli si coalizzano contro gli adulti. Continua...

Gattari da legare: Cosa offre, la casa?

I gatti si possono viziare. I bambini, no. Continua...