Graziella

Gattara alla terza generazione, arabista per formazione, traduttrice per lavoro, vive con un compagno allergico ai gatti. Dai Paesi vesuviani alla campagna romagnola, non è riuscita a mantenere l’anonimato, venendo presto scovata da una combriccola di gatti malandati e viziatissimi. Considerata pazza anche dai nuovi vicini, ha preso atto della fondatezza di tale ipotesi. Dice sempre che prima o poi scriverà un libro sulla sua vita coi gatti, ma poi pensa a quanti alberi vengono abbattuti per stampare libri di persone con velleità artistiche e decide di desistere. Forse. Chissà. Magari, impiegando carta riciclata…

Gattari da legare: lo sport estremo di dare una pillola al gatto

Devo dare l'antibiotico alla gatta: aiuto. Continua...

Gattari da legare: la noia

I gatti (forse) si annoiano. Continua...

Gattari da legare: un po' di refrigerio

Caldo per noi, ma soprattutto per i nostri amici in pelliccia. Continua...

Gattari da legare: qualcuno da conoscere

Balconi in sicurezza: una rarità. Continua...

Gattari da legare: con quel musetto un po' così

Il fascino dei gatti si annida in ogni dove. Continua...

Gattari da legare: non mentre mangio

Ai gatti si concede tutto. O quasi. Continua...

Gattari da legare: facciamo amicizia

Gatto sconosciuto, ti coccolerò! Continua...

Gattari da legare: Non si può stare in pace nemmeno in bagno

La lettiera può diventare terreno di scontro. Continua...

Gattari da legare: mi sento osservata

I gattari hanno il sesto senso. Continua...

Gattari da legare: chi dorme non piglia pesci

Tu ti svegli quando lo decido io. Continua...