Ipomagnesemia nel cane e nel gatto: cause, sintomi e terapia

Come fatto in precedenza, oggi andremo a parlare di ipomagnesemia nel cane e nel gatto, andando a vedere cause, sintomi e terapia di questo squilibrio elettrolitico.

Cani gatto

Ipomagnesemia nel cane e nel gatto - Come abbiamo fatto in precedenza con iponatriemia, ipokaliemia, ipocalcemia e ipofosfatemia, oggi andremo a parlare di ipomagnesemia nel cane e nel gatto, anche solo per par condicio nei confronti dell'ipermagnesemia. Prima di andare a vedere cosa può provocare una diminuzione dei livelli ematici di magnesio, dobbiamo un attimino andare a dare una veloce scorsa riguardo a cosa serve il magnesio: qual è di base la sua funzione? Dove si trova? In quali processi metabolici interviene?

A cosa serve il magnesio e cause di ipomagnesemia

Sempre rimanendo molto sul generico il magnesio è un elettrolita che si trova nel corpo sia nello spazio extracellulare, sia a livello intracellulare (qui come quantitativo viene superato solamente dal potassio fra tutti gli altri elettroliti). Il magnesio è un fattore fondamentale che interviene sia nella distribuzione del sodio nello spazio extracellulare che nella distribuzione del potassio nello spazio intracellulare. Il magnesio viene introdotto nel corpo grazie agli alimenti, è assorbito a livello intestinale e viene escreto dai reni. E in questo caso non c’è nessun ormone che regola la sua omeostasi.

Diciamo subito che molte delle malattie che provocano ipokaliemia provocano anche ipomagnesemia, quindi i due squilibri elettrolitici sono fortemente collegati


  • Perdita dall’intestino per diarree severe
  • Anoressia
  • Malattie del tubulo renale
  • Ipercalcemia
  • Glicosuria
  • Alcuni farmaci come diuretici, digossina, ciclosporina e digossina
  • Ipertiroidismo
  • Ipoparatiroidismo
  • Insulina o catecolamine (ridistribuiscono il magnesio nei due comparti)
  • Chetoacidosi diabetica (occhio che in questi casi si ha anche perdita di potassio refrattaria ai trattamenti se non viene somministrato anche magnesio)

Sintomi e terapia dell'ipomagnesemia

Come visto per l’ipermagnesemia, i sintomi legati all’alterazione del magnesio ematico sono di natura cardiovascolare e neuromuscolare. Si è anche visto che i sintomi di ipomagnesemia tendono a comparire più facilmente quando siano presenti contemporaneamente anche ipokaliemia e ipocalcemia. I principali sintomi di ipomagnesemia sono:


  • aritmie cardiache
  • aumenta la sensibilità del cuore alle aritmie provocate dalla digossina
  • debolezza muscolare
  • fascicolazioni muscolari
  • atassia
  • convulsioni

Come visto per l’ipermagnesemia, in caso di ipomagnesemia va bene integrare quanto perso o non assorbito, tuttavia si tratta di un rimedio temporaneo in attesa che la causa primaria venga risolta, almeno là dove possibile. Questo perché trovare ipomagnesiemia nel cane o nel gatto non vuol dire avere trovato la vera causa del problema, è un segno clinico che ci dice che dobbiamo proseguire le indagini per cercare una di quelle cause viste nel paragrafo precedente: se non si capisce quale sia la causa, non si può adottare la terapia giusta e vista la natura diversa delle cause implica terapie molto differenti fra di loro.

La dottoressa veterinaria Manuela risponderà volentieri ai vostri commenti o alle domande che vorrete farle direttamente per email o sulla pagina Facebook di Petsblog. Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | yohe0

  • shares
  • Mail