Come portare cane, gatto e furetto in Francia

Scopriamo come fare per portare cane, gatto e furetto in Francia: ecco cosa dovete fare e quali documenti avere.

Cane gatto

Portare cane, gatto e furetto in Francia - Diciamo subito che portare cane, gatto e furetto in Francia è un pochino più semplice che portarlo in Inghilterra (dove adesso il grande problema è come arrivarci: le compagnie aeree non permettono a cani e gatti di volare verso l’Inghilterra, quindi tocca per forza usare l’Eurotunnel). Come sempre vi ricordo di partire per tempo: se decidete di andare in Francia questo weekend e non avete provveduto a fare antirabbica e passaporto per tempo al cane, gatto e furetto, beh, dovevate pensarci per tempo (basta andare dal proprio veterinario o fare una rapida ricerca su Google), adesso non si può fare più nulla e il cane, gatto o furetto dovranno restare in Italia.

Cosa fare per portare cane, gatto e furetto in Francia

In realtà la procedura è abbastanza semplice, basta solo rispettare la giusta tempistica:


  1. applicare il microchip al cane (dovrebbe già avercelo perché in Italia è obbligatorio per legge applicare il microchip al cane), gatto o furetto
  2. far eseguire la vaccinazione antirabbica dal proprio veterinario almeno 21 giorni prima della partenza (rispettando il fatto che in Italia non si possano vaccinare per la rabbia cuccioli o gatti prima dei tre mesi di vita)
  3. dopo 21 giorni dall’eseguita vaccinazione antirabbica andare ai Servizi Veterinari dell’Asl di residenza e farsi rilasciare il Passaporto

Tutto qui, ma ci sono alcune considerazioni da fare. Per il microchip nulla da dire, se non che va applicato prima della vaccinazione antirabbica o al massimo contestualmente e mai dopo, perché il pet deve essere prima identificato e poi vaccinato. E ricordate che i veterinari possono applicare il microchip a cani, gatti e furetti appartenenti a proprietari residenti nella propria regione: se per esempio io sono un veterinario della Lombardia, posso applicare il microchip solo a proprietari residenti in Lombardia. Se io proprietario ha la residenza in Piemonte posso far applicare il microchip solamente da un veterinario piemontese. Oppure posso farlo intestare ad un amico lombardo e poi fare il passaggio di proprietà, diciamo che questo escamotage è consentito.

Per la vaccinazione antirabbica ricordatevi di seguire scrupolosamente la tempistica: per essere valida deve essere fatta almeno 21 giorni prima. Ma visto e considerato che poi dovete andare a fare anche il Passaporto all’Asl e che qui dovrete prendere appuntamento, partite con anticipo almeno un mese prima della partenza. Ricordandovi anche di dire all’Asl la data di partenza in modo che vi diano un appuntamento in tempi utili.

Per quanto riguarda il Passaporto, può essere rilasciato solamente dai veterinari dell’Asl di residenza, non dal vostro veterinario libero professionista e solamente dopo applicazione del microchip e avvenuta vaccinazione antirabbica da 21 giorni. Quando andrete all’appuntamento probabilmente vi verrà richiesto di portare il pet per controllare che il microchip si legga e il Modello 12 rilasciato dal veterinario (e da lui comunicato già all’Asl nel giorno della vaccinazione) relativo all’antirabbica. Portate con voi anche il documento di applicazione del microchip e il libretto sanitario del cane.

Cose da non fare

Ecco cosa non fare se volete portare cane, gatto e furetto in Francia:


  • non riducetevi ad andare a chiedere lumi al vostro veterinario il giorno prima della partenza, salvo poi arrabbiarvi perché le risposte date non vi piacciono: se non partite per tempo, semplicemente il pet non lo portate con voi, siete voi ad aver trascurato la cosa, non il vostro veterinario

  • NON chiedete di retrodatare la data della vaccinazione antirabbica: è un falso in atti d’ufficio, reato penale sia per chi lo richiede che per chi lo esegue

  • se andate in Francia con l’aereo, assicuratevi prima di che cosa voglia la compagnia aerea per viaggiare, non riducetevi anche qui al giorno prima della partenza

La dottoressa veterinaria Manuela risponderà volentieri ai vostri commenti o alle domande che vorrete farle direttamente per email o sulla pagina Facebook di Petsblog. Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | 30208099@N00

  • shares
  • Mail