Scialorrea nel coniglio: cause, sintomi e cosa fare in caso di eccessiva salivazione

Cosa fare in caso di eccessiva salivazione nel coniglio? Ecco le principali cause di scialorrea.

coniglio

Scialorrea nel coniglio – Chiamatela scialorrea, chiamatela ptialismo, chiamatela eccessiva salivazione: oggi andremo a vedere le principali cause e cosa fare quando il coniglio sbava troppo. In pratica si tratta di un’eccessiva produzione di saliva da parte del coniglio, spesso e volentieri provocata da sottostanti problemi di malocclusione dentale e che causa a sua volta danni secondari come forme di dermatite, soprattutto a livello del collo e del mento del coniglio.

Scialorrea nel coniglio: cause e sintomi

Alcuni conigli sono più a rischio di altri di manifestare scialorrea, sono quelli che già mostrano una crescita abnorme dei denti a causa di malocclusione dentale. Più a rischio, dunque, sono anche i conigli che mangiano soprattutto o solo cibi pellettati. Talvolta può capitare di vedere scialorrea in conigli che hanno problemi al sistema nervoso centrale o autonomo. Altre cause possono comprendere infezioni dei tessuti molli della bocca, infezioni intestinali: in fase iniziale si potrebbe avere solo scialorrea. Da prendere anche in considerazione farmaci, infezioni come il tetano, tossine ambientali che possono provocare un aumento della produzione di saliva.

I sintomi di scialorrea nel coniglio sono:

  • dolore costante
  • letargia
  • anoressia o diminuzione progressiva dell’appetito
  • postura ingobbita
  • alopecia intorno alla bocca e sul collo
  • pliche della cute ispessite
  • dimagramento
  • digrignamento dei denti
  • eccessiva lacrimazione

Scialorrea nel coniglio: diagnosi e terapia

La diagnosi per stabilire la causa dipende dall’esito della visita clinica e dagli esami collaterali richiesti in base al sospetto clinico. Anche la terapia dipende dalla causa: da una parte bisogna risolvere (se possibile) la causa primaria, dall’altra trattare il sintomo con apposite terapie di sostegno. Il che include la nutrizione forzata se necessario, onde evitare che si blocchi anche l’intestino.

La dottoressa veterinaria Manuela risponderà volentieri ai vostri commenti o alle domande che vorrete farle direttamente per email o sulla pagina Facebook di Petsblog. Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | 29638108@N06

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 7 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO