Uso di ferormoni nelle malattie comportamentali di cani e gatti: servono?

Uno studio ci spiega se l'uso di ferormoni nelle patologie comportamentali dei cani e gatti possa effettivamente servire.

Cane gatto

Ferormoni in cani e gatti – Grazie allo studio dal titolo "Systematic review of the use of pheromones for treatment of undesirable behavior in cats and dogs", Frank D, Beauchamp G, Palestrini C. J Am Vet Med Assoc. 2010 Jun 15; 236(12): 1308-16 cercheremo di capire se l'uso di ferormoni nelle malattie comportamentali di cani e gatti sia effettivamente utile o meno. Andiamo a vedere cosa sia emerso da questa ricerca. Diciamo che in linea generale male non fanno mai, però da soli potrebbero non essere sufficienti a garantire il risultato voluto.

Ferormoni nelle eliminazioni inappropriate di cani e gatti

Lo studio in questione ha analizzato i dati della letteratura scientifica per capire se effettivamente i ferormoni possano aiutare in caso di comportamenti indesiderati in cani e gatti. Sono stati studiati ricerche fatte fra il 1998 e il 2008. Da questi studi sono emerse prove insufficienti per stabilire se effettivamente i ferormoni felini aiutassero in caso di cistite idiopatica nel gatto o se fossero sufficienti a tranquillizzare un gatto durante la cateterizzazione. Inoltre non c'erano dati a sostegno della reale efficacia dei ferormoni in caso di gatti ospedalizzati.

In uno studio,tuttavia, si notava l'effettiva efficacia dei ferormoni dei cani in caso di ansia e paura durante l'addestramento e la rieducazione. Mancavano invece dati a sostegno della sua efficacia nel trattare cani con fobie dei rumori, fobie dei viaggi, ansia e paura durante le visite dal veterinario, forme di paura e stress in cani dei rifugi e piagnucolii e eliminazioni inappropriate in cuccioli di cane appena adottati.

Cosa vuol dire?

Da questi studi mancano ancora dati per stabilire se effettivamente i ferormoni possano essere davvero utili in caso di patologie comportamentali di cani e gatti e in quali malattie sembrino funzionare meglio. Questo vuol anche dire che applicarli male non fa, al massimo non fanno nulla. E che non dobbiamo aspettarci che funzionino da soli come per magia: ansia, stress, paura, fobie, eliminazioni inappropriate non possono guarire se non si attua una terapia rieducativo-cognitiva appoggiandosi a esperti.

La dottoressa veterinaria Manuela risponderà volentieri ai vostri commenti o alle domande che vorrete farle direttamente per email o sulla pagina Facebook di Petsblog. Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | artchick2004

Via | Pub Med

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 4 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO