Aritmie ventricolari nel Rhodesian Ridgeback: possibile causa ereditaria

Ci sono delle forme di aritmia ventricolare nel Rhodesian Ridgeback che hanno una causa ereditaria. Vediamo come si trasmettono.

Aritmie ventricolari nel Rhodesian Ridgeback – Esistono delle forme di aritmia ventricolare nel Rhodesian Ridgeback che sono di origine ereditaria. Ma come vengono trasmesse? Quali sono le modalità di trasmissione genetica? A dare una riposta a queste domande ci ha pensato lo studio dal titolo "Ventricular arrhythmias in Rhodesian Ridgebacks with a family history of sudden death and results of a pedigree analysis for potential inheritance patterns", Kathryn M Meurs, Jess A Weidman, Steven L Rosenthal, Kevin K Lahmers, Steven G Friedenberg. J Am Vet Med Assoc. May 15, 2016; 248 (10): 1135-8.

Aritmie ventricolari nel Rhodesian Ridgeback: modalità di trasmissione

Lo studio in questione ha studiato la presenza di aritmie in un gruppetto di Rhodesian Ridgeback, tutti imparentati fra di loro e che nell'anamnesi della famiglia si parlava di parecchie morti improvvise. Tramite ECG, Holter (24 ore) e ecocardiografia, si valutava lo stato di salute del cuore di questi cani.

Su 21 cani partecipanti di cui si potevano valutare tutti questi dati, otto manifestavan forme di tachiaritmia ventricolare. Curiosamente nessuno dei cani presi in esame aveva sintomi evidenti di cardiopatie. Anche diversi cani parenti dei cani in cui venivano evidenziate queste forme di aritmia ventricolare si scoprivano poi avere lo stesso problema. E anche loro non manifestavano alcun sintomo visibile.

Aritmie ventricolari nel Rhodesian Ridgeback: cosa vuol dire?

Questo studio, unito all'esame del pedigree, ha permesso di scoprire che nella maggior parte dei casi di aritmie ventricolari ereditarie del Rhodesian Ridgeback si aveva una forma di trasmissione ad ereditarietà autosomica recessiva. Tuttavia è anche possibile che ci sia la presenza di forme con ereditarietà autosomica dominante, ma a penetranza incompleta.

Se avete un cane di razza Rhodesian Ridgeback, anche se non manifesta sintomi e durante la normale visita clinica non si rilevano particolari segni clinici, conviene sempre farlo controllare cardiologicamente dal vostro cardiologo veterinario: questo perché potrebbe avere una forma di aritmia ventricolare che ne potrebbe causare la morte improvvisa. Inoltre questi soggetti vanno tolti dalla riproduzione per evitare che continuino a trasmettere la malattia ai figli.

Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | iStock

Via | JAVMA

  • shares
  • Mail