Rimini: bagnino salva le meduse e viene preso a badilate

Bagnino cerca di liberare delle meduse che erano state catturate da un bambino, e il padre lo manda al pronto soccorso.

meduse

Un fatto davvero assurdo è accaduto nei giorni scorsi nella spiaggia riminese di Viserba, dove un bagnino è stato preso a badilate per aver cercato di liberare delle meduse che erano state catturate da un bambino e dal padre trentasettenne. Il bagnino, Omar Guidi, aveva inizialmente invitato il bambino a riportare in mare gli animali catturati, per poi cercare di farlo lui stesso. Mentre stava liberando in acqua le meduse (che erano circa una decina), il padre del ragazzino ha prima cercato di ucciderle usando una pala di ferro, dopodichè ha colpito la testa del bagnino.

Il padre e il ragazzino si sono poi allontanati, ma fortunatamente sono stati rintracciati dalla Polizia grazie alle informazioni fornite da alcuni testimoni. Il bagnino è finito al Pronto Soccorso, mentre per il Padre del ragazzino è scattata una denuncia per lesioni personali.

Anche il WWF di Rimini si è comprensibilmente schierato dalla parte del bagnino, ed ha annunciato l'intenzione di denunciare l’aggressore per maltrattamento di animali, dal momento che, prima di colpire il bagnino, ha sterminato completamente le povere meduse catturate, facendole a pezzi. Come spiega il WWF di Rimini, le meduse presenti nell’Adriatico sono assolutamente innocue. Si tratta infatti della specie Rhizostoma pulmo o Polmone di mare, animali che non possono fare alcun danno ai bagnanti, sebbene sia sempre meglio evitare di toccarle o di prenderle in mano, per rispetto nei confronti degli animali.

Come WWF, alla luce di quanto avvenuto, esprimiamo piena solidarietà al bagnino, che ha fatto con coraggio il suo dovere professionale e civico, e presenteremo una denuncia per maltrattamento e uccisione di animali contro l’autore di questo gesto assurdo e violento, espressione

sottolinea giustamente dichiara Claudio Papini, presidente dell’associazione locale

di totale ignoranza e mancanza di rispetto per gli uomini come per gli animali. Al bagnino di salvataggio poi, come premio per il suo coraggio, il suo senso civico e la sua attenzione alla vita del mare, offriamo invece la iscrizione gratuita al WWF e un attestato di merito al valore ambientale, che gli consegneremo all’Oasi WWF Ca’ Brigida a Verucchio, in occasione di una delle prossime iniziative dell’associazione.

via | AltaRimini
Foto da iStock

  • shares
  • Mail