Micosi nel cane e gatto: cosa dicono le ultime linee guida per la terapia?

Ecco cosa consigliano le ultime linee guida per quanto riguarda la terapia della micosi nel cane e gatto.

Cani e gatti

Torniamo a parlare di micosi nel cane e nel gatto, conosciuta anche come tigna. O più semplicemente: "il mio cane/gatto ha un fungo". Delle cause, sintomi, diagnosi e terapia delle micosi nei cani e gatti avevamo già parlato abbondantemente in passato. Oggi grazie all'articolo dal titolo "Diagnosis and treatment of dermatophytosis in dogs and cats.: Clinical Consensus Guidelines of the World Association for Veterinary Dermatology", Moriello KA, Coyner K, Paterson S, Mignon B. Vet Dermatol. 2017 Jun; 28 (3): 266-e68, andremo a vedere cosa ci dicono le ultime linee guida relative alla terapia della micosi.

Micosi nel cane e gatto: linee guida per la terapia

Le micosi o dermatofitosi sono infezioni cutanee provocate da funghi di comune riscontro in cani e gatti. Di solito i funghi che colpiscono di più i nostri animali domestici sono quelli di tipo Microsporum e Tricophyton. Sono importanti da curare non solo per il benessere animale, ma anche perché rappresentano una potenziale zoonosi per l'uomo (e per tutti gli altri animali conviventi).

Lo studio di cui abbiamo parlato prima ha riesaminato tutti gli articoli veterinari inerenti le micosi in modo da stilare delle linee guida comuni per curare le micosi nei cani e gatti. Il tutto coordinati dalla World Association of Veterinary Dermatology (WAVD).

Si è così visto che non esiste un unico test diagnostico considerato l'ideale per diagnosticare una micosi, si può arrivare alla diagnosi attraverso diverse vie e test. Ma la cosa più importante è che si è visto che il successo terapeutico maggiore si ha quando si usano in contemporanea farmaci antimicotici per via orale e pulizia del mantello con prodotti topici.

Micosi nel cane e gatto: cosa fare?

Fondamentalmente si tratta di somministrare farmaci antifungini per via orale (quelli veterinari esaminati hanno buoni margini di sicurezza, anche se bisogna sempre valutare attentamente lo stato di salute generale del paziente) e cercare di pulire bene l'ambiente e il mantello del cane o gatto, per eliminare tutte le spore che potrebbe contribuire a generare recidive o infezioni negli altri animali o esseri umani conviventi.

Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | iStock

Via | Veterinary Dermatology

  • shares
  • +1
  • Mail