Disparità di trattamento

Scritto da: -

Girando spesso su Facebook nelle varie pagine dedicate all’amore e alla protezione degli animali, capita di vedere immagini dolci, immagini forti, immagini tristi e immagini che, come nel caso che vedete qui sopra, fanno riflettere. Questa immagine ci vuole raccontare la disparità di giudizio e di trattamento tra umano e cane.

Nel primo caso c’è Anders Breitivik, tristemente famoso per la strage in Norvegia, costata la vita a settantasette persone, con il ferimento di quasi un altro centinaio, mai pentito e anzi orgoglioso del suo gesto. L’altro caso è quello di Wicca, un pitbull che ha salvato la vita alla sua padrona e, durante i soccorsi, ha accidentalmente ferito una persona con una zampa.

Dov’è la differenza? Che nel caso del norvegese la giustizia è arrivata a una condanna a 21 anni con il risultato che, una volta fuori, nessuno può avere la certezza che non tenti nuovi attentati. Nel caso di Wicca, invece, il tribunale ha deciso, senza se e senza ma, per l’abbattimento, considerandolo un cane pericoloso. Ora vi chiedo: c’è equità di giudizi tra umani e cani?

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 53 voti.  
 
  • nickname Commento numero 1 su Disparità di trattamento

    Posted by: siro

    Non ci deve essere equità di trattamento!! Uno è un essere umano, l'altro è un cane. E' normale e sacrosanto che non vadano trattati allo stesso modo. Poi non dimentichiamo che stiamo parlando di 2 casi diversi avvenuti in nazioni diverse. Se Breitivik fosse vissuto negli USA sarebbe probabilmente stato condannato a morte. La LAV e altre associazioni (fintamente) amiche degli animali ci mangiano tantissimo su queste polemiche senza fondamento. Scritto il Date —

 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Petsblog.it fa parte del Canale Blogo Lifestyle ed è un supplemento alla testata Blogo.it registrata presso il Tribunale di Milano n. 487/06, P. IVA 04699900967.