Ipervitaminosi D nel cane e gatto: cause, sintomi e terapia

Un eccesso di vitamina D nell'alimentazione del cane o gatto può provocare sintomi da ipervitaminosi D. Ecco cosa fare.

Cane e gatto

Spesso abbiamo messo in guardia dall'eccessiva integrazione con vitamine e minerali. Il sovradosaggio nella dieta di tali fondamentali costituenti provoca altrettanti danni rispetto a una loro carenza. E' il caso, per esempio, dell'eccessiva integrazione di calcio soprattutto nei cuccioli in crescita. Se quel cucciolo non aveva bisogno di tutto quel calcio, il risultato è quello di fargli sviluppare un'insufficienza renale. O è il caso di gatti alimentati con troppo fegato che sviluppano forme di ipervitaminosi A: è vero che sospendendo la somministrazione di fegato, i livelli di vitamina A tornano nei range, ma è anche vero che i danni ai tessuti molli sono permanenti. Oggi andremo a parlare di un altro eccesso di vitamine: ecco cause, sintomi, diagnosi e terapia dell'ipervitaminosi D nel cane e gatto.

Ipervitaminosi D nel cane e gatto: cause e sintomi

Un apporto corretto di vitamina D è fondamentale per il cane e il gatto, tuttavia una sua integrazione eccessiva può comportare seri problemi di ipervitaminosi D. Ma come fanno gli animali ad andare incontro a ipervitaminosi D? Il modo più semplice è quello di un'eccessiva integrazione con la dieta. Questo si esplica o dando integratori ricchi di vitamina D (occhio all'olio di fegato di merluzzo: è vero che è ricco di acidi grassi, ma ha anche un alto contenuto di vitamina D) o somministrando alimenti anche commerciali troppo ricchi di vitamina D. Un'altra causa di ipervitaminosi D nei nostri animali è l'avvelenamento da rodenticidi: alcune esche, infatti, oltre a contenere il veleno per topi, contengono anche colecalciferolo.

Altre cause possono essere la terapia per l'ipoparatiroidismo e l'ingestione accidentale di pomate contenenti vitamina D.

Ma quali sono i sintomi dell'ipervitaminosi D nel cane e gatto? Eccoli:

  • abbattimento
  • letargia
  • riluttanza al movimento
  • andatura rigida
  • polidipsia
  • poliuria
  • ipercalcemia (non sempre: a volte si hanno valori di calcio ai limiti inferiori con fosforo basso nel sangue e aumento del fosforo nelle urine. Questo è, probabilmente, provocato dall'iperparatiroidismo provocato dall'ipocalcemia, che diminuisce il riassorbimento tubulare del fosforo)
  • bassi valori di paratormone
  • demineralizzazione ossea
  • calcificazioni dei tessuti molli (soprattutto di reni, polmoni, stomaco, cuore e vasi)
  • alterazioni di sviluppo di ossa e articolazioni

Ipervitaminosi D nel cane e gatto: diagnosi e terapia

La diagnosi di ipervitaminosi D nel cane e gatto, oltre che dai sintomi e segni clinici, la si evince tramite esami del sangue e radiografie per valutare la calcificazione dei tessuti. La terapia richiede l'immediata sostituzione del mangime troppo ricco di vitamina D o la sospensione istantanea degli integratori ricchi di vitamina D. In questo modo i livelli ematici di calcio, fosforo e paratormone dovrebbero regolarizzarsi. Purtroppo le calcificazioni dei tessuti molli sono permanenti.

Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | iStock

  • shares
  • +1
  • Mail