Un gatto in casa: pro e contro

Vi siete mai soffermati a riflettere su pro e i contro dell'avere un gatto in casa? Sarebbe bene farlo prima di decidere di adottarne uno.

Un gatto in casa: pro e contro

Decidere di vivere con un animale non è qualcosa da fare a cuor leggero: bisogna tener sempre presente che cani, gatti, conigli, criceti e ogni animale sono degli esseri viventi e non dei giocattoli. Hanno il loro carattere, la loro personalità e vanno rispettati completamente. Prendere un cane o un gatto, poi, significa assumersi un impegno che durerà diversi anni. Da non sottovalutare, infine, l’aspetto economico: gli animali domestici hanno bisogno di cure e vanno portati regolarmente dal veterinario. Non prendete mai un animale sull’onda dell’emotività perché un animale non è solo un musetto delizioso!

Per quel che riguarda i gatti, ecco una serie di pro e contro nell’averli in casa: si tratta solo di un elenco per aiutarvi a compiere una scelta corretta e per evitare di far stare l’animale che andrete ad adottare o, anche, di star male voi perché non avevate pensato bene a quello che stavate facendo.

Cinque buoni motivi per adottare un gatto


Un gatto in casa: pro e contro


  1. I gatti alleviano perfettamente lo stress, l’insonnia e l’irritabilità. Inoltre, i proprietari di gatti hanno un ridotto rischio di asma (fatta eccezione per coloro che sono allergici al pelo di gatto) e diminuisce il rischio di morire di un attacco di cuore.

  2. I gatti non richiedono tutte le attenzioni di cui necessita un cane. Sono molto indipendenti e possono starsene a casa da soli mentre siete al lavoro senza risentirne granché.

  3. I gatti non devono uscire più volte al giorno. Basta che abbiano la lettiera a disposizione.

  4. I gatti dedicano un terzo delle ore di veglia a leccarsi e pulirsi pelo e zampe… e non solo!

  5. I gatti hanno un olfatto sensibilissimo, tanto da poter identificare una fuga di gas molto prima di un umano. Inoltre, secondo alcuni scienziati, i gatti sono in grado di prevedere i terremoti, le inondazioni e anche il cambiamento del tempo.

Cinque motivi per non adottare i gatti


Un gatto in casa: pro e contro


  1. I gatti sono legatissimi alla casa e non amano viaggiare. Pertanto, portare un gatto in vacanza è stressante per l’animale e per il proprietario.

  2. Si ritiene che sia difficile addestrare un gatto. Prima di tutto bisogna educarlo da piccolo a fare i bisognini nella lettiera, ad affilarsi le unghie sul tiragraffi e non sulle poltrone e, per i gatti adulti non castrati, a non marcare il territorio spruzzando gli angoli di casa. Inoltre, durante la "primavera del gatto" si deve cercare un modo per far fronte agli accorati richiami… d’amore.

  3. La vita notturna. La maggior parte dei gatti ha l’abitudine innata di dormire di giorno ed essere molto attivi di nott . Possono, quindi, dare la caccia a topi invisibili, saltare su divani e armadi e svegliare i padroni di casa.

  4. I gatti hanno artigli molto affilati e le eventuali ferite inferte richiedono molto tempo per rimarginarsi. Quindi, giocate con queste soffici palle di pelo con molta attenzione, il che è particolarmente vero per i bambini piccoli.

  5. I gatti hanno una natura molto indipendente, quindi bisogna accettare il fatto che, a differenza del cane, non sempre rispondono quando vengono chiamato e non dormono dove i proprietari di casa gli hanno approntato una lettino.

Via | AIF

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: