Il coniglio: riproduzione e parto

Siamo naturalmente contrari alla riproduzione del coniglio domestico, tuttavia può ahimè capitare che, acquistando una coniglietta in negozio, ci venga data con tanto di sorpresa. In breve tempo quindi ci troviamo in casa un numero non ben definito di cuccioli.

Piccola premessa:se pensate di far riprodurre la vostra coniglietta, magari seguendo il consiglio sciocco di qualcuno che afferma che se fa almeno una cucciolata non si ammalerà di tumori o altro, vi scoraggio immediatamente. L'unico modo di non far ammalare la vostra coniglietta di tumore, cisti ovariche, piometra etc etc è sterilizzarla. Questo è il solo e unico gesto d'amore che potete fare nei confronti della salute di un coniglio DOMESTICO. Se parliamo invece dei conigli in natura, ovviamente il discorso è differente, ma noi dobbiamo badare al benessere di un animaletto nato per vivere in casa e che in natura non avrebbe le capacità di "cavarsela".

Detto ciò, passiamo alla pratica: il periodo di gestazione della coniglietta varia tra i 30 e i 35 giorni. La coniglietta è fertile già dopo il quarto mese di vita, infatti generalmente la si sterilizza tra i 4 e i 6 mesi di vita per evitare gravidanze o gravidanze isteriche sottoponendola a stress inutili.

Segnali del fatto che la piccina possa essere incinta sono: comportamento aggressivo, nervosismo, si strappa i peli per fare il nido, ingrossamento delle mammelle. Il parto avviene in maniera naturale: buonsenso è notare che, se la coniglietta non dà alla luce i cuccioli nei tempi previsti, va portata presso un veterinario esperto in animali esotici che possa verificare la situazione.

I piccini nascono nudi, con le orecchiette chiuse e ciechi. La madre ovviamente se ne prende cura al 100%. La coniglietta non va disturbata o innervosita in alcun modo, i piccoli non vanno toccati e così nemmeno il "nido". Quando la coniglietta si allontana, è bene verificare se i piccini stanno bene: è piuttosto semplice vedere se sono vitali o se hanno un pessimo colorito e non sono reattivi. Il numero di cuccioli è variabile, solitamente ne nascono 5 o 6 in media, tuttavia una cucciolata può anche arrivare ai 10/12 elementi.

I piccini iniziano a mangiare cibo solido a partire dalle 3 settimane di vita, e intorno alle 8 settimane sono ormai completamente svezzati e sono "indipendenti".

Inutile raccomandarvi nuovamente di NON far accoppiare volontariamente i vostri coniglietti, come vedete trovarsi poi "invasi" di cuccioli senza una famiglia è molto facile e veloce: pensate anche a che fine faranno questi cuccioli, se potete tenerli tutti e se riuscirete a darli a persone affidabili. Aggiungo che una coniglietta può fare dalle 4 alle 6 cucciolate ogni anno. Considerate bene il numero di coniglietti messi al mondo e la pericolosità della cosa per mamma coniglia! Fate una scelta intelligente e responsabile per la salute della vostra coniglietta e delle vite che sono venute al mondo.

  • shares
  • Mail