Forza Dudù, per un nuovo miracolo canino!

Il cane di Berlusconi, Dudù, aiuterà i fratellini in difficoltà?

Berlusconi e Dudù

Spero possiate perdonare lo scetticismo che mi pervade quando leggo notizie del genere. Io, personalmente, non nutro nessuna fiducia nei politici e specialmente in quelli che, da una parte all'altra dello schieramento parlamentare, usano i mezzi di comunicazione come strumento di propaganda. Questa notizia, però, voglio prenderla in un verso positivo e vi spiego perché: il politico (o l'ex politico, non l'ho ancora capito) di cui si parla è Silvio Berlusconi. Da "pensionato" adesso ha più tempo da dedicare alla famiglia e, specialmente, al suo piccolo Dudù. Stando con il suo fedele amico canino, Berlusconi ha deciso di creare un sito internet dal nome "Forza Dudù" (strana coincidenza, vero?), un portale creato e gestito per dare sostegno alle famiglie con un animale domestico.

Questo portale sarà gestito, ovviamente, da Michela Brambilla e, stando alle parole dell'ex ministro del turismo, servirà per venire incontro a chi ha difficoltà con il proprio pet. Io, purtroppo, continuo a vederci unicamente un disegno politico. Non a caso una delle prime affermazioni della Brambilla è stata:

«Il 55 per cento degli italiani possiede un animale domestico e lo considera come uno di famiglia. In questo la signora Maria e Berlusconi col suo Dudù non fanno differenza. Perché ci sono temi che interessano alla politica e temi che interessano alla gente. Questo è un tema che interessa alla gente».

E non solo, nelle foto, il piccolo (e innocente) Dudù appare con la spilla "Forza Silvio" e la didascalia "Sei forte papà". Purtroppo questa improvvisa "svolta animalista" non mi sembra molto trasparente considerando il fatto che, appena dopo la decadenza e la creazione del nuovo partito, il Signor B. ha commissionato delle ricerche di mercato per conoscere il potenziale bacino di elettori tra i padroni di animali domestici. La politica, si sa, non è una cosa innocente quanto il cuore di un cane, Dudù compreso!

Via | Il Fatto Quotidiano

  • shares
  • +1
  • Mail