Chicago vieta la vendita di cuccioli nei negozi

A Chicago, una nuova ordinanza vieterà la vendita di animali dalle "Puppy Mills"

Un'ottima notizia arriva dalla "Città del Vento", l'americana Chicago. Fino ad oggi questa città era famosa per il vento, appunto, la pizza alta più buona degli Stati Uniti e per il blues ma oggi potrebbe diventarlo per un'altra splendida iniziativa a favore degli animali. Il consigliere cittadino Emma Mitts ha emesso una proposta che vieterà la vendita di cuccioli provenienti dalle "Puppy Mills" nei negozi della città.

Le "Puppy Mills" sono delle vere e proprie fabbriche di cuccioli dove la "produzione" va avanti a ritmi continui, le madri vivono in piccoli box, vengono continuamente ingravidate e, appena finiscono lo svezzamento, vengono private dei loro cuccioli per essere messe nuovamente incinta. Potete immaginare la terribile vita che fanno questi cani, tenuti in vita unicamente con lo scopo di procreare dei piccoli "sacchetti di soldi". Per farvi un esempio, Green Hill a Montichiari era una sorta di "Puppy Mills" per i laboratori di vivisezione.

6235178425_30b2d20fa2_z

Beh, a partire da oggi, i sedici negozi di animali di Chigaco, hanno dodici mesi di tempo per mettersi in regola con la nuova legge cittadina che vieta loro di vendere cani, gatti e conigli. Un meraviglioso passo avanti verso la cultura del rispetto per gli animali e contro chi specula sulle loro vite.

Questa iniziativa sarà di grande importanza per tutti quei pelosi ospiti nei canili cittadini che aspettano di trovare una nuova casa e una famiglia che li ami. Un'iniziativa del genere non è unica negli Stati Uniti.

Due grosse città californiane hanno già fatto questo passo. San Francisco ha vietato la vendita di animali nei negozi già nel 2011 e, a dodici mesi di distanza, Los Angeles ha seguito l'esempio.

Chissà se un giorno, anche da noi, succederà una cosa simile. Sarebbe anche sufficiente, a parere mio, un cambio di mentalità delle persone che smettano di considerare gli animali come "cose belle" da scegliere da piccoli e cominciassero a considerarli come esseri viventi bisognosi d'amore.

Via| Chicagonow
Foto|Flickr

  • shares
  • Mail