Cani e gatti: in cosa sono simili e in cosa diversi

Se si mettono a confronto cani e gatti si scoprono aspetti interessanti. È quello che ha fatto la rivista britannica New Scientist.

Cani e gatti: universi tanto distanti e tanto vicini. Per non parlare, poi, di chi ama i gatti e chi i cani: vere e proprie guerre di fazioni! Ma quanto sono diversi Fido e Micio? E quanto uguali? La rivista britannica New Scientist qualche tempo fa ha messo a confronto cane e gatto in undici categorie e cioè: cervello, storia condivisa, legami, popolarità, comprensione, probem solving, trattabilità, capacità vocali, sviluppo sensoriale, impatto ambientale e utilità.

A vincere la gara come “animali domestici superiori” sono stati i cani, ma di poco: hanno battuto i gatti per sei a cinque. In quali categorie hanno vinto i cani? Eccole:


  • storia condivisa (il primo esemplare fu addomesticato cinquantamila anni fa);

  • legami (secondo gli scienziati ha una relazione con il proprio padrone simile a quella tra madre e figlio);

  • comprensione (il cane più intelligente del pianeta, Rico, è un border collie tedesco capace di associare duecento parole ad altrettanti oggetti);

  • problem solving;

  • trattabilità;

  • utilità (è in grado di cacciare, fare la guardia, guidare un cieco, scovare bombe e droga ecc.).

Cani e gatti: in cosa sono simili e in cosa diversi

E i cinque campi in cui invece sono i gatti a vincere quali sono? Andiamo a vedere:


  • cervello (300 milioni di neuroni, contro 160 milioni);

  • popolarità (nei dieci paesi a maggioranza felina i gatti sono oltre 204 milioni, nei corrispettivi a maggioranza canina si contano meno di 173 milioni di cani);

  • capacità vocali;

  • sviluppo sensoriale;

  • impatto ambientale (la superficie di terra necessaria per nutrire un cane di medie dimensioni per circa un anno è di 0,84 ettari; 0,28 nel caso di un chihuahua. I gatti, invece, si accontentano di 0,15 ettari all’anno).

Via | Voce Arancio

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail