Cinque domande da fare all'allevatore prima di prendere un cane

Cosa chiedere all’allevatore quando vi recate da lui per scegliere un cane?

Dopo lunga riflessione avete deciso di adottare un cane: brave e bravi! La vostra decisione vi ha condotti a prendere un cucciolo presso un allevatore per vari motivi (anche se noi consigliamo sempre di farsi almeno un giro in un canile…). Vi siete anche accertati che l’allevatore che avete scelto è coscienzioso e appassionato e non è un cagnaro” o venditore truffaldino che dir si voglia.

Che fare, quindi? Si va lì e si prende il cane? È bene rivolgere all’allevatore alcune domande per poter prendere la vostra decisione se scegliere un cane del suo allevamento o meno.


  1. Posso vedere la madre? [Dev'essere sempre possibile vedere la madre; quando ce l'avrete davanti guardatele le mammelle e capirete subito se la cagnolotta sta allattando o meno]

  2. Posso vedere il padre? [I migliori allevatori cercano i papà in altri allevamenti, quindi la risposta dovrebbe essere negativa; l'allevatore, comunque, dovrebbe fornirvi informazioni anche sul cane-papà]

  3. Dove vivono i cuccioli? [I cuccioli allevati in casa sono compagni migliori di quelli vissuti in canile; qui poi c'è tutta una filosofia che varia da allevatore ad allevatore: c'è chi, per esempio, per abituarli ai vari rumori fin da piccoli tengono accesa la televisione dove c'è la mamma e i cucciolotti]

  4. Sono stati visitati dal veterinario? [Se è un allevatore coscienzioso avrà fatto visitare i genitori prima dell'accoppiamento e avrà un veterinario che segue la cucciolata]

  5. Quando saranno pronti per la vendita? [Sei settimane è troppo presto; dodici troppo tardi; otto è il momento migliore]

Il mese del cucciolo, per imparare a prendersi cura dei propri cagnolini

Via | B. Fogle, Il cane. Il manuale completo

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail