Cane salvato da tifosi inglesi ritrova il padrone in Brasile

Un cane percorre oltre mille chilometri con tre amici umani per ritrovare il padrone in Brasile il tutto grazie ai Mondiali

In questo momento di "emozioni mondiali" noi di Petsblog vogliamo farvi vivere queste emozioni, sempre mondiali, ma grazie a dei pets. La storia di oggi riguarda un cane che si è perso, dei tifosi ed una riunione che ha dell'incredibile. Partiamo dal principio.

Tre tifosi inglesi hanno ideato una sorta di "pellegrinaggio" di 1.966 chilometri (cifra non casuale visto che corrisponde all'anno dell'ultima vittoria dell'Inghilterra in un campionato mondiale) tra Argentina e Brasile, a piedi, per raggiungere i Mondiali di Calcio. Questo viaggio ha anche una causa molto più nobile della fede calcistica. Dave Bewick, Pete Johnston e Ben Olsen (questi sono i loro nomi) avevano l'obiettivo di raccogliere dei fondi per la costruzione di pozzi d’acqua potabile nelle aree più povere del Brasile. In Brasile ci sono arrivati ma in quattro! Durante il viaggio hanno incontrato Jefferson, un Labrador, che ha deciso di accompagnarli spontaneamente in questa avventura.

In Uruguay, Jefferson ha incontrato i tre ragazzi. Loro pensavano si trattasse di un randagio e hanno deciso di portarselo dietro. Jefferson era effettivamente un randagio ma solo perché si era perso e non era più riuscito a tornare a casa.

Untitled

La parte migliore inizia ora. Un ragazzo uruguaiano di nome Nacho ha letto la notizia dei tre inglesi e, guardando le foto, ha riconosciuto in Jefferson il suo cane (che in realtà si chiama Negro). Il giovane ha contattato e raggiunto i tre ragazzi a Porto Alegre per ricongiungersi con Negro. Lo scorso 8 giugno, Nacho e Negro si sono riuniti e, insieme ai tre ragazzi inglesi, hanno festeggiato l'evento andando a vedere le partite della Coppa del Mondo con una bella sorpresa: i loro biglietti (e un sacco di altri gadget) sono stati regalati dagli sponsor, affascinati dalla loro storia.

Via| Greenstyle

  • shares
  • Mail