Muezza, la gatta favorita di Maometto

Muezza era la gatta favorita dal profeta Maometto e lui la benedisse in una occasione del tutto particolare

Un gatto Abissino

L’Islam, a differenza del cristianesimo, ha un’altissima stima dei gatti, tanto da permettere loro di entrare nelle moschee. Tutto questo è dovuto al fatto che il profeta Maometto aveva una gatta che si chiamava Muezza e per la quale nutriva un profondo rispetto.

La storia narra che un giorno Muezza stesse facendo il suo riposino acciambellata su una manica della veste del Profeta quando questi venne chiamato alla preghiera. Per non svegliare la sua micia, Maometto tagliò la manica. Quando tornò, Muezza gli si piegò dinanzi, a mo’ di inchino, e il suo padrone la accarezzò per tre volte lungo la schiena: una benedizione che si estende ancora oggi a tutti i gatti. Altri racconti tramandano che Maometto predicasse in casa con la sua micia Muezza accoccolata in grembo.

Le testimonianze non ci hanno tramandato la razza di Muezza, ma i gattari e le gattare di tutto il mondo hanno fatto le ipotesi più varie: da una tigrata a una gatta d’Angora fino a un’abissina.

Foto | Wikipedia

  • shares
  • Mail