Gatto con forfora: cause e cosa fare

Il tuo gatto ha la forfora? Andiamo dunque a vedere le principali cause di forfora e cosa fare.

gatto tigrato

Gatto con forfora – Vi siete accorti che il vostro gatto ha la forfora? Ebbene sì, può capitare, anzi, si vedono spesso gatti con forfora. Tutto sta nel valutare la causa della forfora, se ci sono altri sintomi collegati ad essa o se sia una forma primaria e se sia indice di un problema più grave. Diciamo subito che la forfora nel gatto non è un problema mortale e non è considerata un’emergenza veterinaria, quindi evitate di chiamare alle due di notte il vostro veterinario per segnalargli la presenza di una forfora presente sul vostro gatto magari da qualche settimana.

Gatto con forfora: cause

Qualche scaglietta di forfora bianca nel gatto può essere normale, bisogna cominciare a rendersi conto che c’è qualcosa che non va quando questa forfora si estende. La causa più banale di forfora nel gatto potrebbe essere l’alimentazione: di solito il problema è una carenza di acidi grassi nella dieta del gatto, talvolta forme allergiche o intolleranze possono essere accompagnate da un’aumentata presenza di forfora, però dovrebbero esserci altri sintomi cutanei.

Anche una dieta poco equilibrata o scorretta può portare a carenze vitaminiche che si possono manifestare con forfora e alterazioni del colore del mantello del gatto. Altra causa dermatologica di forfora nel gatto è la Cheyletiella o forfora che cammina o walking dandruff: si tratta di un acaro, quindi questa volta parliamo di una malattia di origine parassitaria. La forfora che si vede in caso di Cheyletiella non è forfora vera e propria (intesa quindi come desquamazione cutanea), bensì sono cumuli di parassiti. Dovrebbe anche essere presente prurito.

Molti gatti obesi soffrono di forfora, in questo caso probabilmente la dieta sbilanciata e le alterazioni metaboliche che accompagnano l’obesità fanno sì che il gatto manifesti costantemente forfora. Altra causa di forfora, anche se indiretta direi, sono i gatti che cominciano a lavarsi di meno perché hanno qualche grave patologia in corso: penso ai gatti con gravi problemi di stomatite o di granuloma eosinofilico in bocca che non si lavano più per via del dolore alla bocca o i gatti con insufficienza renale che vuoi per l’abbattimento provocato dall’uremia vuoi a causa delle ulcere in bocca, non si lavano (il tutto accompagnato da una progressiva disidratazione che di sicuro non favorisce la corretta idratazione della cute).

Gatto con forfora: cosa fare

Se notate che il gatto ha tanta forfora, allora direi che è arrivato il momento di portarlo dal veterinario per capire quale sia la causa del problema. Tramite un semplice scotch test verrà esclusa la Cheyletiella, domande sull’alimentazione permetteranno di scoprire se ci sono squilibri nella dieta o carenze di vitamine e acidi grassi, l’obesità... beh, chiunque vede che un gatto è obeso... mentre se si sospetta un problema renale verranno proposti degli accertamenti. In caso di carenze vitaminiche o di acidi grassi verranno proposti degli integratori specifici, mentre se il problema è la dieta ecco che verrà corretta.

La dottoressa veterinaria Manuela risponderà volentieri ai vostri commenti o alle domande che vorrete farle direttamente per email o sulla pagina Facebook di Petsblog. Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | isasza

  • shares
  • Mail