Mangimi per cani e gatti: cosa sono le ceneri gregge o grezze?

No, state tranquilli, nessuno mette della cenere nel mangime di cani e gatti: andiamo a vedere cosa si intende con ceneri grezze o gregge nel mondo del petfood.

cane gatto mangiano

Mangimi per cani e gatti – Prendo spunto da una domanda allarmata che mi è stata posta qualche giorno fa da un proprietario di cani: "Ma perché nei mangimi per cani e gatti mettono le ceneri?". Posso ben capire come non sia addentro nel settore della veterinaria, della mangimistica o del food in generale possa farsi venire in mente una simile questione, ma state tranquilli: nessuno mette la cenere del camino nelle crocchette o scatolette del gatto, con ceneri grezze in mangimistica si intende un’altra cosa.

Mangimi per cani e gatti: le ceneri gregge o grezze

Avevamo già parlato in passato di come leggere le etichette dei mangimi per cani e gatti, oggi andremo a parlare di cenere grezze o gregge, chiamatele come preferite. Nella sezione delle etichette relativa ai tenori analitici vi imbatterete di sicuro nella dicitura ceneri grezze o ceneri gregge (più raramente indicato come residuo incenerito o materia inorganica, si tratta comunque di diciture ammesse dalla legge).

Le ceneri grezze rappresentano la percentuale di sostanze inorganiche presenti, quindi i minerali. Il nome deriva dal fatto che la loro determinazione analitica consiste nel totale incenerimento della sostanza organica. Quindi i termini cenere e grezza/greggia deriva semplicemente dalla terminologia comunemente usata in laboratorio.

Occhio a non confondervi: se il mangime ha un alto valore di ceneri non vuol dire, come potreste pensare, che quel mangime ha un’altra integrazione di minerali. Vuol semplicemente dire che contiene alte quantità di sottoprodotti della macellazione come per esempio ossa, connettivo e piume che, incenerite, rilasciano più ceneri grezze. Quindi qualitativamente si tratta di un mangime meno valido rispetto a uno che usa carne vera, se parliamo dal punto di vista nutrizionale.

Mangimi per cani e gatti: quanto devono essere le ceneri gregge o grezze?

Diciamo che a seconda del mangime ci sono livelli variabili di ceneri grezze, trovare un mangime che soddisfi tutti i criteri di qualità nutrizionale non è sempre così semplice. Magari ne troviamo uno che ha poche ceneri grezze, ma ha tante proteine oppure ha troppi cereali oppure usa le farine di carne al posto della carne e via dicendo.

In linea molto generale un mangime non dovrebbe superare il 7% di ceneri grezze. Il che tradotto vuol dire che il 7% dovrebbe essere il massimo, ma più il valore si abbassa e meglio è perché vuol dire che il mangime è stato prodotto con materia prima di qualità e non con sottoprodotti o scarti della macellazione.

La dottoressa veterinaria Manuela risponderà volentieri ai vostri commenti o alle domande che vorrete farle direttamente per email o sulla pagina Facebook di Petsblog. Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | bambe1964

  • shares
  • Mail