• Petsblog
  • Cani
  • 10 segnali calmanti nel cane: cosa vogliono dire?

10 segnali calmanti nel cane: cosa vogliono dire?

10 segnali calmanti nel cane: cosa vogliono dire?

Oggi andremo a vedere dieci segnali calmanti nel cane, cercando anche di capire cosa vogliono dire.

Segnali calmanti cane – Prima di tutto: cosa si intende con segnali calmanti nel cane? Noti anche come segnali di pacificazione si tratta di una serie di segnali che i cani mettono in atto per indicare ad un altro cane il loro stato d’animo, in questo caso il loro desiderio di non aggredire. Si tratta di segnali di preavviso che il cane con la sua postura corporea ci invia per indicarci un suo stato di stress, ansia o disagio. Se noi esseri umani non li cogliamo (e la maggior parte delle volte li ignoriamo), ecco che il cane si sente legittimato a mettere in atto il passo successivo che talvolta può essere un comportamento di aggressione. Avete presente tutti quei cani che al telegiornale “L’attimo prima era calmissimo e l’attimo dopo ha aggredito senza preavviso”: ecco, il cane ci ha dato il preavviso, solo che noi non l’abbiamo colto.

I principali segnali calmanti del cane

Questi sono i principali segnali calmanti del cane:

  1. mai fissare negli occhi il cane: per il cane equivale a una sfida, a un gesto di dominanza. Il cane ben educato distoglie lo sguardo per indicare che non ha intenzione di aggredire, idem deve fare l’umano
  2. ammiccare: per il cane è un segnale di pacificazione, connesso al concetto del non fissarlo negli occhi. Possiamo usare anche noi questo segnale, solo dobbiamo assicurarci che il cane ci stia guardando in quel momento
  3. evitare il contatto visivo girando la testa: orecchie tirate indietro, il cane gira la testa evitando di guardarci. La maggior parte delle persone umanizza e pensa che il cane si senta colpevole, in realtà il cane ci sta dicendo che si sente a disagio con noi, con il nostro linguaggio corporeo e verbale
  4. leccarsi le labbra: segnale che può avere diversi significati. A volte lo fanno quando sono eccitati, magari stiamo per dargli del cibo. A volte, però, indica disagio e ansia nel cane. Molte persone lo scambiano per un desiderio del cane di dare bacini e finiscono inesorabilmente morse
  5. sbadigliare: il cane badiglia quando è stanco o si annoia, ma spesso il cane sbadiglia quando è in una situazione di stress o ansia, si sente insicuro
  6. annusare troppo: quando il cane entra in una stanza nuova con nuovi umani è normale che passi un po’ del suo tempo ad annusare per terra o in giro. Se è a suo agio ad un certo punto si avvicinerà a noi per richiedere attenzioni. Ma se passa tutto il suo tempo ad annusare in giro, ignorandoci è un modo per dire “Non sono un pericolo per te, non badate a quello che faccio io”
  7. cane con posteriore per aria: se è vero che quando gioca il cane si accuccia e alza e dimena il sedere, a volte può essere che lo facciano perché la situazione che si è creata è troppo pesante e stanno cercando di alleggerirla. Una sorta di “cambiamo discorso”
  8. camminare lentamente o bloccarsi: in quest’ultimo caso si parla di freezing. Il cane lo attua quando è insicuro, non sa cosa lo attende. In questo caso ci conviene evitare di guardarlo direttamente e provare ad accucciarci per indicare che non siamo una minaccia per lui
  9. mettersi in mezzo o splitting: è un segnale di calma molto potente, ma va usato prima che inizi l’aggressione altrimenti finisce male
  10. girare intorno a un cane quando lo si incontra: l’approccio frontale nei cani è sinonimo di aggressività, di sfida, di dominanza molti cani esuberanti che non hanno imparato a comportarsi correttamente nella società canina lo fanno ed ecco che gli altri cani interpretano questa giocosità estrema come aggressività e reagiscono di conseguenza. Ecco che allora per evitare contrasti, i cani hanno imparato ad avvicinarsi lateralmente. Però anche in questo caso dovete valutare il cane nell’insieme, guardando anche la postura della coda e delle orecchie, lo sguardo per capire dove i due stanno andando a parare. Occhio che in questo caso la situazione è complicata dal fatto che i segnali calmanti si mescolano a quelli di dominanza/sottomissione

La dottoressa veterinaria Manuela risponderà volentieri ai vostri commenti o alle domande che vorrete farle direttamente per email o sulla pagina Facebook di Petsblog. Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | blumenbiene

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog