Il pony deve essere considerato un animale domestico

Il pony deve essere considerato un animale domestico

Tra gli animali domestici annoverate anche il pony? Da oggi è così, in seguito a una sentenza del TAR!

Il pony può essere considerato un animale domestico? Pensandoci un po’ su forse diremmo di no e ci viene anche in mente una storica pubblicità nella quale un giocatore di un gioco in scatola alla domanda “Animale domestico” rispondeva serafico “Rinoceronte“. Eppure per i giudici del TAR pare proprio che un cavallino può in alcuni casi essere considerato un animale domestico.

La sentenza dei giudici pugliesi della sezione di Lecce del TAR ha annullato l’ordinanza del Comune di Carovigno in provincia di Brindisi che vietava a un pensionato di tenere nel centro urbano il suo pony. Ma se il cavallino viene tenuto all’interno di una stalla che è stata collocata in un ambiente che fa parte dell’abitazione del suo proprietario, allora è da considerare a tutti gli effetti un animale di compagnia. E può anche vivere in un centro urbano.

Secondo quello che leggiamo sull’Ansa, Carmelo, un uomo di 85 anni, è molto affezionato al suo pony. A Canale 85 aveva raccontato di Maresciallo, questo il nome che gli ha dato:

Se dovesse morire lui, morirei prima io.

Dopo la decisione del comune, l’uomo aveva portato il suo pony lontano dalla sua casa, però era rimasto lì a dormire con lui, non lo aveva lasciato solo. Nicola Pepe, avvocato del pensionato, ha commentato con felicità la decisione del Tar:

Finalmente viene riconosciuta l’importanza degli animali di compagnia non convenzionali. Per la prima volta in Italia si parla di pony come animale di compagnia e non destinato a lavori diversi.

Foto iStock

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog