Gattari da legare: Pratiche poco piacevoli

Se hai un gatto, con certe cose devi fare i conti.

Gattari da legare: Pratiche poco piacevoli

L'argomento di oggi non è elegantissimo ma, se hai un gatto, ci sta. La nostra gatta più anziana ha sempre avuto qualche problema con l'alimentazione: alcune cose non può mangiarle, pena conato di vomito immediato.

Si è dato il caso che, nella confusione delle feste, si sia fiondata sui croccantini delle altre due gatte, sfuggendo al nostro controllo. Dopo un quarto d'ora, abbiamo sentito il miagolio inconfondibile: "Adesso vomita". Tutte ferme e immobili, pronte con un rotolo di carta da cucina e in posizione per contenere la curiosità di mia figlia.

Sì, tutte immobili perché, se un gatto vomita e aggiungi ansia al suo problema, inizierà a nascondersi sotto i letti e in tutti i recessi dell'appartamento. E poi, vai a pulire... Quindi, una silenziosa processione l'ha seguita in punta di piedi, silenziosa se non per i vari "pussi pussi, adesso passa, non ti preoccupare". Psicologia felina applicata al vomito. Perché, se sei gattaro, sei pronto anche alle pratiche più disgustose.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail