Criceti: cause, sintomi e terapia di ascessi e ferite

Molto spesso i nostri criceti soffrono di ascessi, ferite e infezioni cutanee. Andiamo a vedere cause, sintomi e terapia.

criceto

Criceti, ascessi e ferite – Avevamo già parlato in passato delle malattie cutanee dei criceti, oggi andremo ad approfondire il capitolo relativo ad ascessi, ferite, traumi e infezioni cutanee varie. Se è vero che i criceti sono soggetti allo sviluppo di tumori, è anche vero che pure gli ascessi e le ferite sono all’ordine del giorno. E’ importante saperli riconoscere per tempo in modo da portare il criceto a visita il prima possibile. Anche perché le patologie nel criceto tendono a peggiorare piuttosto rapidamente.

Criceti, ascessi e ferite: cause e sintomi

Partiamo con gli ascessi cutanei nel criceto, sono molto frequenti e compaiono come noduli (diagnosi differenziale con i tumori). Di solito sono l’esito di ferite con sovrinfezione batterica.

Per quanto riguarda le infezioni cutanee, sono comuni nei criceti con substrati sporchi o tenuti in scarse condizioni igieniche o anche nei criceti obesi. In particolare in questi ultimi si sviluppa una forma di dermatite sulle ascelle o sulla gola provocata dalle abbondanti pieghe cutanee che sfregano fra di loro (un po’ come succede nelle pieghe cutanee dei cani tipo Bulldog).

Frequenti anche le lesioni da trauma e le ferite: spesso se le procurano muovendosi per la gabbia (occhio agli spuntoni), talvolta litigando fra di loro se sono tenuti insieme

Altra patologia frequente è l’infezione della ghiandola ombelicale dei criceti russi maschi: in questo caso la ghiandola appare ricoperta di una crosta anche abbastanza spessa, arrossata, presenza di pus e maleodorante.

Criceti, ascessi e ferite: diagnosi e terapia

In tutte queste patologie la diagnosi viene effettuata dal vostro veterinario esperto di esotici a seguito di visita clinica. In tutti i casi in cui si parla di disinfezione e terapia antibiotica specifico che bisogna seguire le indicazioni del veterinario e non fare di testa propria, onde evitare di somministrare farmaci tossici per i criceti.

La terapia per gli ascessi cutanei nei criceti prevede la somministrazione di antibiotici e anche l’incisione e il drenaggio, ovviamente in anestesia totale. Parlando invece di dermatite nei criceti obesi, dopo aver disinfettato la parte e somministrato antibiotici per l’infezione, ecco che finché il criceto non dimagrirà, la dermatite continuerà a ripresentarsi.

In caso di ferite traumatiche cutanee, la terapia sarà sintomatica. E bisognerà separare i criceti litigiosi, a volte possono ferirsi fino a provocarsi ferite mortali.

Infine in caso di infezione della ghiandola ombelicale dei criceti russi maschi la terapia consiste nel cercare di asportare crosta e pus, molto delicatamente e criceto permettendo, disinfettando e somministrando di antibiotici prescritti dal veterinario.

La dottoressa veterinaria Manuela risponderà volentieri ai vostri commenti o alle domande che vorrete farle direttamente per email o sulla pagina Facebook di Petsblog. Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | haundreis

  • shares
  • Mail