• Petsblog
  • Cani
  • Prevalenza della Giardia in cani e gatti in Europa

Prevalenza della Giardia in cani e gatti in Europa

Prevalenza della Giardia in cani e gatti in Europa

Quanta Giardia è presente nei cani e gatti in Europa? Ecco i risultati di uno studio.

Giardia in cani e gatti – Abbiamo già parlato in passato di cause, sintomi e terapia della Giardia in cani e gatti. Oggi andremo a vedere un aspetto diverso della questione: quanto è diffusa la Giardia nei cani e gatti in Europa? Probabilmente più di quanto si pensi, anche perché più la si cerca e più la si trova. Quindi andiamo a vedere i risultati dello studio dal titolo “Giardia in symptomatic dogs and cats in Europe – results of a European study”, Epe C, Rehkter G, Schnieder T, Lorentzen L, Kreienbrock L. Vet Parasitol. 2010 Oct 11; 173 (1-2): 32-8.

Diffusione della Giardia nei cani e gatti in Europa

Questo studio ha esaminato la presenza di Giardia in cani e gatti in Europa con sintomi gastroenterici. Praticamente lo studio è stato semplicissimo: ai veterinari che hanno aderito si chiedeva di effettuare il test per la Giardia su tutti i cani e gatti con diarrea e/o vomito che venivano portati a visita.

Sono state così esaminate le feci di 8685 cani e 4214 gatti. I risultati sono stati questi:

[progressbar title=”Cani positivi alla Giardia” percentage=”yes” value=”24.78″]
[progressbar title=”Gatti positivi alla Giardia” percentage=”yes” value=”20.3″]

Dallo studio sono anche emersi altri dati interessanti. E’ più facile trovare cani e gatti positivi giovani, soprattutto sotto i sei mesi di età. Inoltre il sintomo più facilmente riscontrato nei casi di positività alla Giardia era la diarrea, non il vomito.

Inoltre il rischio di trovare cani e gatti positivi era minore nel Regno Unito, Italia, Olanda e Spagna, mentre era molto più alto in Belgio e Germania.

Giardia nei cani e gatti: cosa vuol dire?

Due cose. In primo luogo che la Giardia nei cani e gatti è comune in tutta l’Europa e frequente nei cani e gatti che manifestano sintomi gastroenterici. In secondo luogo, però, ricordatevi che il test è anticorpale, quindi rimane positivo anche per settimane o mesi dopo la guarigione e dopo la scomparsa del parassita dalle feci. Quindi in caso di sintomi compatibili, sì al test per controllare che ci sia la Giardia (si può e si deve fare anche l’esame feci per arricchimento, ma visto che non viene eliminata con tutte le feci, a volte si hanno dei falsi negativi). Per valutare la scomparsa, invece, non ha senso ripetere il test perché potrebbe venire positivo ancora per settimane o mesi: bisogna ripetere l’esame feci per arricchimento a distanza e trovarlo negativo per tre volte prima di dichiarare la guarigione. E ricordatevi che i casi di reinfestazione sono frequenti, specie se avete un giardino privato, in quanto la Giardia persiste a lungo nel terreno.

Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | elsie

Via | PubMed

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog

acute hypophosphatemia