Diario di una conigliara: il coniglio si sente solo?

Un coniglio single si sente solo?

coppia-di-conigli.jpg

Mi domando spesso se un coniglio single si senta solo. Per quanto concerne la mia esperienza ho inizialmente adottato, su consiglio della volontaria, una coppia di coniglietti che si amano ad oggi come e più del primo giorno in cui si sono incontrati. Poi ho adottato un coniglietto con dei particolari problemi di salute e, nel dubbio che attaccasse la sua malattia ad una eventuale compagna, è rimasto solo per circa 3 anni.

In quel periodo ovviamente il piccino si è affezionato in maniera spropositata a me, soffriva ogni volta che uscivo, fin anche solo a fare la spesa, e lo ritrovavo affagiolato sull'ingresso ad aspettarmi. Voi penserete che possa essere una cosa molto dolce ma, in realtà, sebbene è ovvio che ci sia del positivo in quanto il coniglio dimostra apertamente di volermi bene, d'altra parte ovviamente si sentiva davvero solo.

Ora sono 3 anni che questo coniglietto ha una compagna, un pochino più giovane di lui, e di carattere estremamente buono. E' vero che sussiste il pericolo che le venga passata la malattia, tuttavia credo che il rischio valga la loro felicità di coppia. Ora nessuno è infelice quando esco, e i due piccoli dormono affiancati giorno e notte. Quando uno dei due sta male, l'altro quasi vuol avvisarmi del momento di malessere del compagno/a. Tra simili infatti si crea un legame fortissimo e indissolubile. Ovviamente nessuno dei due vuol meno bene a me, in quanto comunque saldo punto di riferimento per cibo e cure. Per quanto noi umani possiamo amare un coniglio, non saremo mai suoi simili: riflettete quando ne prendete uno, poichè una coppia (entrambi sterilizzati!) è la scelta migliore per la loro felicità. L'esperienza me lo ha ben insegnato.

  • shares
  • Mail