Amebiasi nel cane: cause, sintomi e terapia

cani

Parliamo di una patologia di non comune riscontro nel cane: l’amebiasi. Andiamo a vedere cause, sintomi, diagnosi e terapia.

Amebiasi nel cane – L’amebiasi nel cane è un’infezione parassitaria provocata da organismi unicellulari noti come amebe. Tecnicamente l’amebiasi può colpire cani, gatti e anche persone. Di norma è stata segnalata nelle zone tropicali, anche se alcuni casi hanno fatto la loro comparsa anche in Nord America. In Italia è piuttosto rara, però visto che sui Sacri Testi di Medicina Veterinaria è presente (anche se non tutti la citano), ecco che oggi andremo a vedere cause, sintomi, diagnosi e terapia dell’amebiasi nel cane.

Amebiasi nel cane: cause e sintomi

Sono fondamentalmente due le amebe che possono infettare i cani: l’Entamoeba histolytica e l’Acanthamoeba. L’Entamoeba histolyticus si diffonde fra i cani di solito attraverso l’ingestione di feci umane infette. I sintomi provocati da questa ameba sono:

  • infezione asintomatica
  • colite
  • diarrea emorragica
  • insufficienza organica multipla in caso di diffusione ematogena (i sintomi dipendono dagli organi convolti) con morte

L’Acanthamoeba, invece, la si trova di solito nelle acque reflue, sia dolci che salate, nelle acque stagnanti. Come sintomi provoca:

  • meningoencefalite granulomatosa
  • anoressia
  • febbre
  • letargia
  • scolo oculonasale
  • dispnea
  • incoordinazione motoria
  • convulsioni
  • infezione cutanea
  • infezione della cornea

Da segnalare poi come abbiamo più probabilità di ammalarsi i cani giovani e i soggetti immunodepressi.

Amebiasi nel cane: diagnosi e terapia

Gli esami del sangue e delle urine di solito sono normali. La diagnosi necessita di esame bioptico del colon (anche tramite colonscopia): in questo caso oltre al danno alla mucosa intestinale si evidenziano anche i trofozoiti delle amebe. Si può tentare anche di fare un esame delle feci per cercare i trofozoiti, ma a meno che non ce ne siano tantissimi, sono difficili da trovare senza colorazioni apposite. Nelle forme che coinvolgono anche il cervello si possono avere anomalie del liquor, mentre una RM encefalica mostra i granulomi della forma meningoencefalica. La terapia dell’amebiasi nel cane di solito si basa sulla somministrazione del metronidazolo (lo stesso che si usa per la Giardia e i Coccidi), solo che funziona solamente nelle forme di colite. Se si ha infezione sistemica o cerebrale allora l’exitus è di solito la morte, anche usando il metronidazolo.

La dottoressa veterinaria Manuela risponderà volentieri ai vostri commenti o alle domande che vorrete farle direttamente per email o sulla pagina Facebook di Petsblog. Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | v1ctor

  • shares
  • Mail