Cane che non va d'accordo col gatto, cosa fare?

Avete un cane che non va d'accordo col gatto cosa fare?

gatto nero cane

Cane e gatto – Non sempre è facile far andare d'amore e d'accordo un cane e un gatto. Certo, a volte capitano eccezioni felici, ma sono casi, più spesso si è nella situazione in cui un cane non riesce assolutamente ad andare d'accordo con il gatto. Cosa fare in questi casi? Ecco che vi forniamo una serie di consigli, molti dei quali sono preventivi: il problema è che spesso si hanno cani, si prendono poi gatti senza pensare alle conseguenze e si finisce col vivere in un clima da trincea perché il cane non può vedere il nuovo arrivo e lo aggredisce. Prima di finire barricati in casa e di andare a chiedere disperati aiuti all'ultimo minuto, magari pensateci prima.

Perché il cane non va d'accordo col gatto?

I motivi possono essere diversi. Cani e gatti tradizionalmente non vanno d'accordo, molti cani hanno un forte istinto predatorio e vedono nel gatto (anche se carnivoro) una preda, soprattutto quando il gatto comincia a correre innescando il meccanismo predatorio. Ci sono poi alcune razze che sono particolarmente problematiche con i gatti: mi vengono in mente diversi Pastori Tedeschi, adorabili con persone e altri cani, ma dei killer assoluti con gatti di qualsiasi età e taglia.

Il cane potrebbe vedere il nuovo gatto come un intruso nel suo territorio, qualcuno che ruba cibo, acqua, spazio e attenzioni del proprietario, quindi potrebbero stabilirsi meccanismi di rivalità per il territorio e le risorse, così come vere e proprie forme di gelosia.

In altri casi magari abbiamo un cane giovane, troppo esuberante e poco educato che non ha idea di come comportarsi per socializzare con un gatto e finisce per spaventare quest'ultimo, così come a volte abbiamo gatti che vorrebbero socializzare (di solito gattini piccoli), ma che si trovano di fronte cani scarsamente socializzati, malati o anziani che hanno poca voglia di dar retta all'esuberanza di un gattino.

Cosa fare?

Come al solito è meglio prevenire che curare. Se avete un cane e avete deciso di prendere un gatto, fermatevi un attimo e pensateci bene. Avete un cane ben socializzato e che va d'accordo con i gatti e gli altri animali? Allora va bene. Avete un cane che non è ben socializzato, che in passeggiata aggredisce e si getta contro qualsiasi altro animale vede, che dà la caccia ai gatti randagi che entrano nel giardino o che, peggio, ne ha già ucciso qualcuno? Allora va male. In questo caso prima di prendere un gatto e piangere poi lacrime di coccodrillo perché il cane lo ha ucciso, fermatevi un attimo: se il cane ha già problemi di socializzazione e aggressività (e dunque lo sapete già che ha problemi), prima si curano questi problemi comportamentali e poi si prende il gatto.

Inutile essere consci di avere cani con problemi comportamentali, continuare ad accumulare animali su animali senza risolvere il problema primario e poi lamentarvi perché il cane lo dovete tenere là, il gatto non può uscire dalla stanza se no il cane lo ammazza e via dicendo. Educatori cinofili e veterinari comportamentalisti servono proprio a risolvere questi problemi: prima si educa il cane, poi eventualmente si prende il gatto. Questo fermo restando che non è detto che si riesca ad insegnare a tutti i cani ad amare (e a non uccidere) i gatti.

La dottoressa veterinaria Manuela risponderà volentieri ai vostri commenti o alle domande che vorrete farle direttamente per email o sulla pagina Facebook di Petsblog. Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | anjanettew

  • shares
  • Mail