Gattari da legare: prigionieri consenzienti

Facciamo un sacco di cose, per i nostri gatti.

Gattari da legare: prigionieri consenzienti

Siamo tutti ostaggi dei nostri gatti, ammettiamolo. In casa mia, per esempio, non si spostano un tappeto o una sedia perché un determinato gatto li gradisce in quella posizione. Posizione che, solitamente, è in netto contrasto con la nostra comodità. Il tappeto è in un punto pericoloso ed è perennemente mezzo arrotolato perché a loro piace così, la sedia è in mezzo alle scatole e ci costringe a fare giri lunghissimi...

A proposito, le scatole. Chi di noi non ha tenuto uno scatolo di cartone tra i piedi fino alla sua totale distruzione? "Non buttarlo, ci giocano i gatti!", e per settimane la casa è un ricettacolo di piccoli pezzi marroni.

Siamo un po' più rigidi solo quando ci portano prede per ringraziarci e contribuire all'economia domestica. E, chi vive in campagna, sa che non mi riferisco a mosconi. In quei casi, magari, diventiamo egoisti e facciamo sparire il corpo del reato. In fondo, lo portano per noi, no? Possiamo sempre dire che lo abbiamo mangiato e che era delizioso.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail