Animalisti contro la pubblicità della Algida: coniglio preso per le orecchie

Nella nuova pubblicità della Algida un coniglio viene preso dalle orecchie: la protesta delle associazioni animaliste.

Gli animalisti protestano contro il nuovo spot del Cornetto Algida. Insieme ai veterinari. Tutta colpa di una scena della pubblicità in cui il ragazzo protagonista tenta di conquistare la ragazza che ama tirando fuori dallo zaino un coniglietto, come se fosse un mago. Peccato che il povero piccolo animaletto venga preso per le orecchie, un comportamento sbagliatissimo che si può considerare come un maltrattamento verso l'animale.

Le orecchie dei conigli, così come l'animale in generale, è molto delicato e fragile. Non amano essere presi in quel modo: si potrebbero inoltre causare danni alle sue orecchie, come sottolinea Luca Re, medico veterinario e presidente di Avem (Associazione Veterinari Animali Esotici) sulle pagine de Il Fatto Alimentare:

Sollevare un coniglio per le orecchie è una pratica dolorosa e può provocare gravi danni funzionali all’animale; trovandosi in una situazione di pericolo ed in preda al dolore, può scalciare per liberarsi, fratturandosi spontaneamente la colonna vertebrale, con conseguenti danni spinali gravi ed irreversibili.

Per i veterinari lo spot non è accettabile per quello che riguarda il benessere animale, anche perché si passa un messaggio sbagliato, soprattutto ai più piccoli, dicendo che tenere i conigli per le orecchie va bene, è normale, quando in realtà non si deve assolutamente maneggiare in quel modo l'animale.

Insomma, dallo spot arriva un messaggio decisamente sbagliato che potrebbe avere ripercussioni sulla salute dei tanti coniglietti che vivono nelle nostre case come animali domestici. Un esempio che non dobbiamo assolutamente seguire, anzi, dobbiamo spiegare soprattutto ai bambini che i conigli non vanno mai presi per le orecchie e vanno maneggiati con estrema cura e cautela, perché sono esseri viventi davvero molto delicati.

coniglio bianco orecchie

Foto iStock

  • shares
  • Mail