New York, i veterinari mettono in guardia sull'influenza canina che si sta diffondendo

Dagli Stati Uniti i veterinari avvertono: attenzione alla nuova influenza canina che si sta diffondendo da costa a costa. Non è contagiosa per gli umani, ma noi possiamo contribuire a diffonderla fra i cani.

Cani a New York

Influenza canina - I veterinari di New York stanno mettendo in guardia i proprietari di cani in merito a un ceppo di influenza canina che si sta diffondendo negli Stati Uniti. Tale ceppo virale è piuttosto pericoloso, soprattutto se non trattato per tempo. Si tratta del virus H3N2: pare che abbia colpito 500 cani sulla costa occidentale e che, adesso, stia arrivando anche sulla costa orientale degli USA. A partire da aprile, nella sola Brooklyn sono già stati segnalati più di 30 casi di influenza canina. Inoltre, recentemente, casi sono stati segnalati anche a Manhattan.

Attenzione all'influenza canina negli Stati Uniti

Il dottore Maxim Lotovsky ha spiegato che è importante saper riconoscere sin da subito i sintomi dell'influenza canina, in modo da poter fare terapia il più precocemente possibile: "La malattia può essere mortale se non trattata adeguatamente. Quindi, se il tuo cane sembra letargico, sta perdendo l'appetito e sta iniziando a tossire, portalo subito a far visitare. Quanto prima lo porti, tanto migliore è la possibilità di salvarlo".

Gli esseri umani non possono prendere l'influenza canina, per cui da questo punto di vista non c'è nulla di cui preoccuparsi. Tuttavia possiamo contribuire a diffondere il virus, in maniera del tutto involontaria: il virus, infatti, è in grado di sopravvivere su mani e vestiti per un massimo di 24 ore. Inoltre il virus si trasmette facilmente da cane a cane, soprattutto se mangiano e bevono nelle stesse ciotole.

Negli Stati Uniti esiste un vaccino per l'influenza del cane. Bisogna però considerare che, esattamente come per il vaccino dell'influenza umana, il ceppo è in continuo mutamento.

Via | abc7ny

Foto | iStock

  • shares
  • Mail