Perché i cani vivono meno degli uomini?

Come mai i cani vivono così poco? Di sicuro vivono molto meno degli uomini. E' la scienza a darci una spiegazione.

Un cane lecca il suo umano

Ci si chiede spesso perché i cani vivono così poco. E' un dato di fatto: i cani vivono meno degli uomini. Eppure abbiamo gli stessi organi, la cura e le attenzioni sono aumentate, ma la loro durata di vita rimanere sempre di molto inferiore a quella umana. La scienza ci fornisce qualche risposta. Parecchio tempo fa, venne elaborata la teoria secondo la quale gli animali più grandi solitamente vivono di più rispetto agli animali più piccoli: basta pensare alla durata della vita di un elefante rispetto a quella di un criceto. Questo non vale all'interno della specie canina per le diverse razze: qui il discorso è diverso.

Nel caso delle razze di cani, più la razza è di taglia gigante e si discosta da quella del lupo di base, più la durata della sua vita è breve. Pensiamo alla minor durata di vita di un San Bernardo, di un Alano o di un Bullmastiff rispetto a un Labrador o anche a un Barboncino.

Perché i cani vivono così poco?

Tuttavia anche la teoria di base secondo la quale animali più grandi vivono più a lungo non funziona con tutti gli animali. Ok, il metabolismo degli animali più piccoli è più veloce, ma allora come possiamo giustificare alcune specie di pappagalli che vivono anche più di 80 anni? Eppure hanno un tasso metabolico altissimo. E poi, per l'appunto, ci sono i cani che non seguono questa regola.

Più il cane è di taglia grande o gigante e meno vive. Una teoria attuale parla di "pressione evolutiva". Animali grandi hanno meno probabilità di essere attaccati in natura: secondo voi, un leone preferirà attaccare un gigantesco elefante o una piccola antilope?

Comunque sia, gli scienziati hanno scoperto una cosa interessante sui cani: nonostante il loro fisico non sia programmato per durare quanto il nostro, la loro aspettativa di vita è raddoppiata nel corso degli ultimi 40 anni. Questo è anche merito delle migliori cure che forniamo loro, anche dal punto di vista alimentare e veterinario.

Via | Inverse

Foto | iStock

  • shares
  • Mail