Le cose non adatte ai criceti che troviamo in vendita

Le cose non adatte ai criceti che troviamo in vendita

Cosa c'è in commercio di non adatto ai nostri cricetini?

In commercio si trova davvero di tutto, ma non è detto che sia adatto al nostro criceto. Prima di tutto parliamo di cotone: esiste il cotone specifico per roditori ma non va assolutamente bene per nessun animale. Il criceto può infilare le zampe nelle fibre e queste possono provocare strozzamento degli arti, inoltre può ingerire parti di cotone e andare in blocco intestinale con conseguente morte. Quindi va da sè che diciamo NO al cotone.

Stick al miele, drops allo yogurt, e tutto ciò che è dolce e pieno di coloranti non va assolutamente bene. Il miele impacca le guance e si rischiano infezioni. Moltissimi criceti sono intolleranti al lattosio, quindi è ovvio che drops allo yogurt non sono adeguate, oltre ad essere molto zuccherine.

Dal punto di vista dei mix di semi, i negozi spesso hanno preparati parecchio ricchi di semi di girasole (molto grassi) o con elementi carini, come cuoricini o stelline ma pieni di coloranti. La prima cosa da guardare in un mix di semi è che sia di colori più naturali possibile: la cosa migliore sarebbe infatti crearselo da sè, scegliendo i semi tra le zuppe secche ad uso umano del supermercato.

Come oggettistica NO a ruote a staffe: ebbene sì, se ne trovano ancora in giro, ugualmente no a ruote di diametro troppo piccolo poichè il criceto incurverebbe la schiena nel correrci. No anche a casette con finestrelle troppo piccine, o camini, in cui il criceto rischia di infilare il musino e di restare incastrato.

Dal punto di vista delle gabbie, stendo un velo pietoso: è davvero complesso trovare una gabbia di almeno 75 cm a costi tollerabili in giro. Solitamente la soluzione è cercare on line dove si trovano buone gabbie dal punto di vista qualitativo, e a costi più che accettabili.

Una postilla sulle lettiere: badate che la lettiera sia lino, canapa, ma non tutolo non scavabile, no al pellet e assolutamente no a lettiere per gatti (sono tossiche!).

Quando si prende un animale è bene informarsi, leggete molto, chiedete ad un volontario di una Onlus specifica del settore e non al commesso che è lì per vendere, ma può non essere preparato specificatamente su quell’animale!

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog