Cane ferisce neonata: si poteva evitare?

Molti di voi avranno sentito la brutta notizia di quel cane husky che ha morso una bimba di due mesi, facendola finire in ospedale in gravissime condizioni. I mass media si sono buttati a pesce sulla notizia e rimbalzano informazioni contrastanti sulla salute della piccola. Chi è il responsabile di tutto questo? Nessuno, o quasi.

Quando abbiamo un cane (prima di un figlio) lui diventa talmente parte integrante della famiglia che quasi non pensiamo più al fatto che, per lui, noi siamo il suo branco e, in quanto tale, abbiamo diverse gerarchie: noi comandiamo, lui no.

Quando arriva un bimbo la situazione, per lui, cambia. Nella gerarchia è arrivato un'altro concorrente e la cosa si fa difficile perché le attenzioni del "capobranco" sono per l'ultimo arrivato ed è normale che il cane soffra di gelosia. Se consideriamo anche che, pur senza cattive intenzioni, un cane può graffiare anche noi durante il gioco, figuratevi cosa può fare ad un neonato, già di per se fragile come il cristallo. È stato un errore lasciare la bimba sul letto, questo si, ma forse più che un errore è stata una sbadataggine.

Riguardo al cane, beh, dire che ha aggredito la bambina mi sembra stupido e molti "giornalisti" dovrebbero riflettere meglio anzichè inseguire lo scoop a tutti i costi. È molto brutto da dire ma se l'husky voleva veramente fare del male a quella bambina adesso non saremmo qui a sperare che la sua salute migliori perché sicuramente non sarebbe più in vita. Il cane, per quello che posso pensare, voleva "indagare" su cos'era quella creatura molto simile ai grandi umani e, si sa, che i cani usano la bocca per capire cosa gli si para davanti.

Meditate gente, meditate.

Foto| Flickr

  • shares
  • Mail