L'iguana delle Galapagos torna sull'isola

L'iguana delle Galapagos ha fatto la sua ricomparsa sull'isola: l'ultima era stata avvistata da Charles Darwin.

iguana delle galapagos

L'iguana delle Galapagos è tornata sull'isola. Ed è una bella notizia. Anzi, bellissima. Sono passati più di 200 anni da quando l'ultima iguana terrestre era stata avvistata sull'isola di Santiago, che rappresenta la quarta isola più grande di questo arcipelago. E sapete chi è stato ad avvistarla nel lontano 1835? Charles Darwin, naturalista, biologo e geologo britannico, celebre per la sua teoria sull'evoluzione delle specie animali e vegetali.

1436 iguane terrestri sono state introdotte nuovamente in questa splendida isola, all'interno di un'importante campagna che il Parque Nacional Galapagos sta portando avanti per reintegrare le specie che qui hanno sempre vissuto, un progetto di ripopolamento per salvaguardare la biodiversità di uno dei paradisi ancora presenti sul nostro pianeta. Esemplari di Conolophus subcristatus sono stati introdotti sull'isola, anche grazie alla collaborazione con l'Università della Nuova Zelanda e l'organizzazione Island Conservation.

Queste iguane arrivano da un'altra isola dell'Ecuador, North Seymour Island, dove 5mila esemplari sono presenti. Per loro c'è poco cibo e allora ecco la decisione di riportare sull'isola di Santiago questa specie, dopo l'estinzione provocata da predatori che oggi non ci sono più. È un animale a rischio, dal momento che fa parte della Lista Rossa dell'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura.

Jorge Carrion, direttore del parco, spiega:

L'iguana terrestre è un rettile erbivoro che contribuisce alla diffusione di semi nell'ecosistema, nonché al mantenimento di spazi aperti privi di vegetazione.

Mentre Danny Rueda, uno dei responsabili della riserva, aggiunge:

Il programma punta anche alla salvaguardia della popolazione di iguana dell'isola di North Seymour che conta 5mila esemplari e una riserva di cibo limitata. L'arcipelago delle Galapagos, a circa 1000 chilometri dalle coste dell'Ecuador, è una riserva unica per la sua biodiversità e per questo è stata dichiarata patrimonio dall'Unesco, ma è anche uno dei più fragili ecosistemi ancora esistenti.

Foto iStock

Via | La Stampa

  • shares
  • Mail