Buftalmo o idroftalmo nel coniglio: cause, sintomi e terapia

Ecco cause, sintomi, diagnosi e terapia del buftalmo o idroftalmo nel coniglio.

Coniglio: occhi

In generale con il termine buftalmo si intende una dilatazione congenita o acquisita del bulbo oculare. Nel coniglio, in particolare, esiste una forma di buftalmo congenito: si tratta di una malattia genetica autosomica recessiva caratterizzata da glaucoma progressivo che può interessare uno o entrambi gli occhi. Pare, inoltre, che tale patologia si manifesti in maniera particolare nei conigli bianchi o nei conigli albini. Andiamo dunque a vedere cause, sintomi, diagnosi e terapia del buftalmo nel coniglio.

Buftalmo nel coniglio: cause e sintomi

Come dicevamo, il buftalmo nel coniglio è una malattia congenita genetica che riconosce un meccanismo di trasmissione autosomico recessivo. Il 10-20% dei conigli albini affetti da questa patologia muore alla nascita.

La malattia è provocata dall'ostruzione del deflusso dei liquidi all'interno dell'occhio con conseguente aumento della pressione intraoculare e gonfiore dell'occhio stesso (con successivo glaucoma). I sintomi di buftalmo si manifestano dalle 3 settimane di vita ai 6 mesi di età e possono interessare uno o entrambi gli occhi. Non è detto che nella medesima nidiata tutti i coniglietti manifestino la malattia.

Come sintomi di buftalmo nel coniglio abbiamo:

  • aumento di volume del globo oculare
  • cornea opaca
  • esoftalmo
  • le palpebre non riescono a chiudersi
  • stafiloma (sfiancamento della cornea o della sclera)
  • cheratite secondaria
  • atrofia glaucomatosa

Buftalmo nel coniglio: diagnosi e terapia

La diagnosi di buftalmo nel coniglio viene fatta a seguito di anamnesi e visita clinica, con possibilmente anche visita oftalmologica. Come diagnosi differenziali si mettono in lista:

  • idrocefalo
  • prognatismo
  • microftalmia
  • anomalie scheletriche

Se la lesione non è grave, si può cercare di tenere il glaucoma sotto controllo tramite l'uso topico di dorzolamide, ma si tratta di una terapia a vita visto che il problema è congenito. Spesso, però, la situazione è talmente grave che è richiesta l'enucleazione dell'occhio.

Visto poi che si tratta di una malattia congenita genetica, va da sé che i conigli affetti devono essere esclusi dalla riproduzione, per evitare di continuare a mettere al mondo conigli malati.

Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | iStock

  • shares
  • Mail