Cucce per cani randagi con pannelli solari

In Turchia hanno ideato delle cucce per cani randagi riscaldate da pannelli solari. Ecco come funzionano.

Cane randagio

Un'idea originale arriva da un liceo artistico in Turchia: le cucce per cani randagi con pannelli solari. Tutto merito di due studenti del liceo artistico di Ahmet Yakupoğlu, nella provincia di Kütahya, Oğuz Özgür e Ahmet Ercan Kaya. I due ragazzi hanno pensato di creare delle cucce per cani randagi dotate di pannelli solari: in questo modo le cucce possono essere riscaldate usando l'energia solare. I due adolescenti hanno avuto questa idea dopo aver visto i cani che abitano nel loro giardino dover affrontare le avverse condizioni climatiche. Grazie all'aiuto del loro professore di biologia, hanno costruito delle cucce con pannelli solari sul tetto: i pannelli raccolgono l'energia solare e la accumulano in una batteria. Da qui l'energia viene trasferita in un tappetino riscaldante posto sul pavimento della cuccia, in modo che gli animali siano sempre caldi:

Come creare una cuccia calda per i cani

Özgür ha così spiegato il perché di questa cuccia: "Il nostro obiettivo è impedire che gli animali patiscano il freddo, migliorando la loro vita anche in casa". Muzaffer Efe, il professore di biologia che ha seguito il progetto, ha poi approfondito la questione con l'Anadolu Agency (AA): gli studenti avevano pensato inizialmente di sfruttare l'energia elettrica, però poi hanno deciso di ideare un progetto che fosse il più ecologico possibile. Ecco da dove è nata l'idea dei pannelli solari.

Inoltre non hanno neanche speso molto per assemblare i materiali: quasi 100 lire turche, al cambio 17 euro. Il progetto è stato poi presentato anche alla Bursa Regional Exhibition durante il 50esimo concorso di ricerca per studenti delle scuole superiori. Oğuz Özgür e Ahmet Ercan Kaya sperano, ovviamente, di arrivare al primo posto della sezione "Valori educativi". Chi lo sa che questa cuccia non venga commercializzata ed esportata anche qui da noi?

Via | La Stampa

  • shares
  • Mail