Miasi nel cane: sintomi

Ecco sintomi e segni clinici della miasi nel cane, l'infestazione da parte di larve della mosca carnaria.

Miasi nel cane

La miasi nel cane è un pericolo molto serio soprattutto in primavera, estate e autunno, quando inizia a far caldo. Con il termine di miasi si intende l'infestazione dei tessuti del corpo da parte di larve di ditteri. Solitamente si parla di larve di mosca carnaria o bigattini, tuttavia sono parecchie le famiglie di ditteri (mosche in pratica) che possono provocare una miasi. La miasi, inoltre, non è prerogativa solo del cane: possiamo avere miasi nel gatto, miasi nel coniglio, nei roditori o in qualsiasi altro animale, uomo incluso. Quello che succede è che le mosche depongono le loro uova su ferite, tessuti marci (tipicamente quelli bagnati da urine o feci in animali incontinenti o che non riescono più a pulirsi) o anche negli orifizi naturali. Qui dalle larve fuoriescono le larve che si nutrono dei tessuti cutanei, entrando anche all'interno del corpo. In pratica il cane viene mangiato vivo.

Miasi nel cane: sintomi e segni clinici

Le mosche generalmente sono attirate da animali feriti, malati o impossibilitati a scacciarle vie. Le larve si nutrono di tessuti morti e necrotici. Ferite, pelo e cute sporchi di urine e feci, lesioni secretive, ferite sia traumatiche che chirurgiche, bendaggi umidi: tutte queste situazioni attirano le mosche. Frequente poi la deposizione di larve in occhi, naso, bocca, orecchie, ano o genitali in animali che non possono muoversi o che non sono in grado di toelettarsi (cani anziani, cuccioli molto piccoli, cani paralizzati...).

Questi sono i sintomi della miasi nel cane:

  • inizialmente sulla ferita vedrete una specie di polverina biancastra, a volte scambiata con forfora
  • dopo qualche giorno, la polverina si trasforma in piccole larve sottili
  • aspettate un paio di giorni e avrete i bigattini veri e propri, larve carnose
  • potete vedere le larve entrare e uscire di continuo da ferite o orifizi
  • il cane ha fastidio, prurito e dolore. I suoi tentativi di mordersi e grattarsi estenderanno la lesione e l'infestazione
  • la ferita si presenta umida, con un essudato purulento e un odore di carne marcia
  • se le larve non vengono eliminate, si ha necrosi e colliquazione dei tessuti
  • morte del cane per setticemia
  • morte del cane per le gravi lesioni provocate dalle larve agli organi interni

Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | iStock

  • shares
  • Mail