Come accarezzare un gatto

Ecco i consigli della scienza su come accarezzare un gatto senza farlo arrabbiare.

Accarezzare gatto

Domanda per gattofili: come accarezzare un gatto? Se è vero che a molti gatti piacciono le coccole, è altrettanto vero che ci sono gatti che o non amano essere toccati o non ci sono abituati. Quando si accarezza un gatto ci sono tanti fattori da tenere in considerazione: la personalità del gatto e della persona, l'umore di entrambi in quel momento, le caratteristiche del gatto e dell'umano e anche le aree del corpo da toccare e quelle vietate. Accanto a questi fattori, poi, ce ne sono altri: ci sono gatti che diventano irrimediabilmente aggressivi quando vedono avvicinarsi una mano, altri che, invece, si fanno accarezzare solamente in determinati momenti e per specifiche motivazioni (vedi gatto che si fa coccolare solo fino a quando ottiene il cibo, poi se riprovi a toccarlo, ti graffia o morde).

Accarezzare un gatto: dove farlo e dove non farlo

E' Lauren Robin Finka della Nottingham Trent University, esperta di comportamento, a spiegarci su The Conversation come accarezzare il gatto. L'importante, quando si accarezza un gatto, è fargli sempre sentire che è lui a controllare l'azione e fornirgli più scelte. E' anche fondamentale osservare il comportamento, l'atteggiamento e la postura del gatto. Le coccole sono ben accette quando:

Le coccole, invece, non sono gradite quando:

  • allontana la testa
  • non fa le fusa
  • è passivo
  • la cute è contratta
  • il pelo è ritto e increspato, soprattutto sulla schiena
  • la coda si muove a scatti, nervosamente
  • le orecchie sono rivolte all'indietro o, peggio, appiattite sul cranio

Ci sono poi anche delle zone che i gatti preferiscono farsi toccare, come la base delle orecchie, sotto il mento o le guance. Evitare, invece, di toccare la pancia, la schiena e anche la base della coda.

Via | Il Secolo XIX

Foto | Pixabay

  • shares
  • Mail