Livorno: tre falchi recuperati su un traliccio alto 15 metri

Nei giorni scorsi tre falchi pescatori sono stati recuperati dai vigili del fuoco di Livorno. Ecco tutti i dettagli.

falchi

Nei giorni scorsi tre giovani falchi pescatori sono stati recuperati dai vigili del fuoco di Livorno. Gli animali si trovavano su un traliccio alto 15 metri, posto all'interno dell'Oasi naturalistica Wwf degli Orti del Bottagone a Piombino (Livorno). A richiederne il recupero sarebbero stati i membri del Parco nazionale Arcipelago Toscano, che avevano il compito di visitare e inanellare i piccoli rapaci.

L’operazione ha richiesto l’intervento dei vigili del fuoco, oltre a quello degli operatori qualificati Saf (speleo, alpino, fluviale), per via della difficoltà di raggiungere il nido, posto a un'altezza non indifferente.

I tre animali sono stati dunque recuperati, visitati, esaminati e quindi inanellati, ed è stato impiantato un gps per la localizzazione migratoria. Quindi, i tre piccoli sono stati riposti tranquillamente nel loro nido.

A spiegare quanto sia speciale e importante questo evento è stato Giampiero Sammuri, presidente del Parco nazionale dell'Arcipelago Toscano, che fa sapere che la nidificazione di questo particolare rapace rappresenta un evento a dir poco rarissimo, tanto che sono solo cinque i casi del genere documentati nel nostro Paese.

Questa è appunto la quinta coppia che si è formata, ed è composta da una femmina, 'Ameriga', nata tre anni fa nella riserva di Diaccia Botrona a Castiglione della Pescaia, e da un maschio che è sconosciuto ed è stato ribattezzato da noi con il nome 'Sky': siamo soddisfatti perché quest'anno è la coppia che ha fatto nascere il maggior numero di piccoli.

 


Foto da Facebook
via | Ansa

  • shares
  • Mail