Vomito giallo nel cane: cause, rimedi, cosa fare

Vomito giallo nel cane, quali sono le possibili cause? Cosa fare e quali rimedi adottare per farlo stare subito meglio.

Vomito giallo nel cane

Vomito giallo nel cane, è capitato anche a voi di vedere Fido soffrire per questo disturbo? Quali possono essere le possibili cause? E quali i rimedi per far stare meglio il nostro amato animale domestico? Sicuramente ci sono delle cose che dobbiamo sapere, per conoscere sempre cosa fare per far star bene i cani. E soprattutto cosa non fare, per evitare che stia di nuovo male.

Il vomito giallo è un sintomo che non dobbiamo sottovalutare. Le cause di questo disturbo devono essere individuate nell'accumulo di bile che solitamente segue un digiuno troppo prolungato nel tempo. Di solito si manifesta la mattina, molto presto. La sostanza giallognola che viene rilasciata altro non è che la bile, la sostanza prodotta dal fegato e conservata nella cistifellea. Una sostanza fondamentale per l'organismo, visto che aiuta la digestione e il transito intestinale di quello che mangiamo.

Cause

Il vomito giallo è anche definito vomito biliare o BVS. I cani ne possono soffrire quando sono a digiuno e a stomaco vuoto da molte ore. Se non arriva del cibo, può avvenire il classico reflusso che può anche provocare conati e vomito. Di solito non ha conseguenze particolari per la salute dei pets, visto che dopo avere vomitato i cani stanno meglio, ma forse una visita dal veterinario potrebbe essere consigliata.

Attenzione, però, perché il vomito è un sintomo spesso presente anche in altre malattie: ulcera, cancro allo stomaco, malattie intestinali, linfoma, infezione da Giardia, intolleranze alimentari, corpo estraneo ingerito, ingestione di sostanze tossiche, pancreatite, malattie del fegato, infiammazioni, trattamenti a base di alcuni farmaci.

Rimedi e cosa fare

Contattate subito il medico veterinario, magari raccogliendo un campione per fare esami più approfonditi. Di sicuro il medico vi consiglierà di dare poco da mangiare al cane, ma spesso, per evitare di lasciarlo per troppo tempo a digiuno. Nei casi gravi potrebbe essere necessario un approfondimento maggiore, per conoscere la causa del vomito giallo e agire con il trattamento più adeguato.

Foto Pixabay

  • shares
  • Mail