Partinico: gli animalisti chiedono giustizia per Ruth, la cagnolina uccisa da un anziano del luogo

L’Oipa racconta la triste storia di Ruth, una cagnolina massacrata e uccisa da una persona senza cuore.

Ruth cane massacrato

Ruth era una cagnolina randagia che a Partinico (Palermo) era amata e accudita da tutti, ma purtroppo una persona spietata ha deciso di strapparle la vita nel modo peggiore che possa esistere, legandole le zampe, massacrandola a colpi di zappa e cercando di darle fuoco.

Ad attirare l’attenzione di un uomo che si trovava nella zona in cui stava avvenendo questo massacro sono state proprio le urla di dolore di Ruth. La piccola era in fin di vita quando è stata trovata inerme e imbevuta di benzina. Il suo carnefice sarebbe un anziano signore già noto nella zona per sospette azioni contro altri cani.

L’aguzzino stringeva una zappa fra le mani, la stessa usata per ridurre in fin di vita la povera Ruth, spezzandole la colonna vertebrale. Inutile è stata la corsa dal veterinario, dove la cucciola è morta fra atroci sofferenze.

Contro l’assassino, una persona che non può essere definita un “essere umano”, l’OIPA sta predisponendo una denuncia per uccisione di animale.

Nessuna pena potrà ricompensare questa brutalità, mai niente riporterà indietro un essere vivente che cercava solo una carezza e che ha ricevuto una morte orribile. Non lasceremo che le urla di Ruth rimangano dimenticate e impunite

fanno sapere i volontari dell’associazione animalista, aggiungendo che un atto come prendere a zappate un cane, legargli le zampe e cercare di dargli fuoco è

simbolo di una pericolosità sociale e costituisce una minaccia per ogni essere vivente, umani compresi.

Ci auguriamo davvero che il responsabile di un atto tanto raccapricciante venga punito per ciò che ha commesso.

via | Oipa

Foto da Facebook

  • shares
  • Mail