Lenny, la tartaruga che ha ingoiato un amo è stata curata e rimessa in libertà

La Capitaneria di Porto di Termoli, i membri del Centro studi cetacei di Pescara e i veterinari Asrem hanno da poco liberato una tartaruga marina che alcuni mesi fa era stata salvata dopo aver ingoiato un amo.

Nei giorni scorsi i membri della Capitaneria di Porto di Termoli, quelli del Centro studi cetacei di Pescara e i veterinari Asrem hanno liberato Lenny, una tartaruga marina Caretta Caretta che alcuni mesi fa era stata trovata ferita sulla spiaggia di Termoli.

I fatti sono avvenuti lo scorso Febbraio, quando la piccola era stata trovata in condizioni critiche ed era stata quindi trasferita a Pescara, presso il Centro di recupero e riabilitazione tartarughe marine "Luigi Cagnolaro".

Dopo essere stata sottoposta ai dovuti accertamenti medici, è emerso che nell’esofago del povero animale si trovava un grosso amo da palangaro di fondo. L’animale rischiava davvero di morire, ed è stato quindi sottoposto a un delicato intervento chirurgico. Dopo un lungo periodo di convalescenza, come potete vedere nel video in alto, adesso Lenny può finalmente tornare in mare.

Il rilascio della tartaruga Lenny


La Caretta Caretta è stata rilasciata nel porto turistico di Montenero di Bisaccia proprio pochi giorni fa. Durante questo importante evento si è tenuta una piccola cerimonia simbolica, in occasioen della quale il comandante della Capitaneria Francesco Massaro ha tenuto una lezione in materia ambientale, puntando l’attenzione sul progetto "Plastic Free Gc" e "Tethis" (il sistema di segnalazione e avvistamento cetacei).

Non possiamo che essere felici che Lenny sia tornato in mare, e augurarci che progetti come questo possano spingere sempre più persone a proteggere il nostro Pianeta e gli animali che lo popolano.

via | Ansa

  • shares
  • Mail