La storia di Moose, il cane senza una parte del cervello che è diventato una celebrità

Ecco la storia di Moose, il cane nato senza una parte di cervello, che oggi è diventato una celebrità sui social.

Moose

Oggi vogliamo raccontarvi una storia davvero speciale. Si tratta della storia di Moose, un Australian Cattle Dog che è nato con parti del suo cervello mancanti, con un cranio deforme e svariate altre problematiche, ma che è diventato in breve tempo una vera e propria star del web. La sua mamma umana, Jennifer Osborne, è una ragazza di 26 anni che ha trovato Moose in un negozio di animali nel 2016 ed ha deciso di adottarlo perché temeva che potesse essere abbattuto.



Il cane aveva già tre anni, aveva problemi alla mascella, naso storto, cervello deformato e problemi agli occhi. A Jennifer piace moltissimo trascorrere le sue giornate insieme al suo fedele amico, ed ama anche condividere le foto di Moose sui social network, dove il piccoletto ha già conquistato il cuore di più di 100.000 utenti.

Moose: lo shop per sostenere le spese veterinarie


Di recente la ragazza ha anche realizzato una sua gamma di prodotti a tema “Moose” che vende on line, per contribuire a pagare le spese veterinarie, che sono comprensibilmente molto alte.

È fantastico e una benedizione per la mia vita. È il cane più felice che abbia mai incontrato e sono grato che sia il mio cane. Ama giocare con i suoi giocattoli ma non capisce la condivisione dei giocattoli con i suoi fratelli. Crede che siano tutti per lui. Sa di essere un ragazzo speciale!. Con tutto quello che è successo a Moose, siamo molto fortunati che sia sopravvissuto. È letteralmente un miracolo.



Se volete seguire le avventure di Moose, date un’occhiata alla sua pagina Instagram.


Foto da Instagram

  • shares
  • Mail