Soffi innocenti nei cuccioli ed ematocrito basso: c’è correlazione?

Soffi innocenti nei cuccioli ed ematocrito basso: c’è correlazione?

Vediamo i risultati di uno studio che ha messo in relazione la presenza di soffi innocenti nei cuccioli e la presenza di ematocrito basso.

Soffi innocenti cuccioli – Oggi andremo a parlare di soffi innocenti nei cuccioli. Capita talvolta che visitando il vostro nuovo cucciolo il veterinario vi segnali la presenza di un soffio. Quando tale soffio è asintomatico e per tutto il resto il cucciolo è sano, si parla di soffio innocente anche se per stabilire se lo sia o meno è necessaria una visita cardiologica. Un recente studio ha cercato di mettere in relazione la presenza di soffi innocenti nei cuccioli con la contestuale presenza di un basso ematocrito: andiamo a vedere cosa è saltato fuori.

Soffi innocenti nei cuccioli e ematocrito basso

Lo studio in questione è “Innocent Cardiac Murmur in Puppies: Prevalence, Correlation with Hematocrit, and Auscultation Characteristics (pages 1524–1528)”, V. Szatmári, M.W. van Leeuwen and E. Teske. Journal of Veterinary Internal Medicine. Volume 29, Issue 6, pages 1524–1528, November/December 2015. In pratica scopo dello studio era quello di stabilire se ci fosse un legame fra la presenza di soffi innocenti nei cuccioli e un ematocrito basso. Lo studio ha preso in esame 584 cuccioli tutti sani dal punto di vista clinico.

L’auscultazione era affidata a un cardiologo, veniva fatto un ematocrito e un’ecocardiografia ai cuccioli con presenza di soffi. Nello studio pilota si scopriva che il 15% dei cuccioli aveva un soffio. Nello studio principale, invece, nel 28% dei 195 cani in esame si rilevava un soffio innocente.

In generale questi soffi innocenti erano sistolici, di intensità al massimo di 2 su 6 e si sentivano maggiormente sulla base cardiaca a sinistra. Inoltre nei cani con soffi si evidenziava un ematocrito più basso rispetto ai cuccioli senza soffi.

Soffi innocenti nei cuccioli e ematocrito basso: cosa vuol dire?

Dallo studio è emerso che è cosa abbastanza comune ritrovare dei soffi innocenti nei cuccioli, soprattutto nel periodo in cui vengono portati a visita per la prima volta. Pare anche che l’anemia fisiologica presente nei cuccioli aiuti lo sviluppo dei soffi innocenti, soffi che poi scompaiono quando il cucciolo cresce e aumenta l’ematocrito. Tuttavia occhio: l’ematocrito non serve a differenziare fra soffi innocenti e soffi patologici.
Tutto questo vuol dire che quando durante la prima visita cucciolo il vostro veterinario riscontra la presenza di un soffio cardiaco, ecco che sarebbe bene ascoltare il suo consiglio e far controllare il cane da un cardiologo veterinario in modo che possa stabilire se sia un soffio innocente o un soffio patologico che richiede terapia. Se ignorate il problema, ben che vada era un soffio innocente che crescendo passa da solo, ma se era un soffio patologico e avete temporeggiato ecco che la patologia cardiaca potrebbe essersi aggravata a tal punto da mettere in pericolo il cucciolo.

La dottoressa veterinaria Manuela risponderà volentieri ai vostri commenti o alle domande che vorrete farle direttamente per email o sulla pagina Facebook di Petsblog. Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | [email protected]

Via | Journal of Internal Veterinary Medicine

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog