Tubercolosi gatto: sintomi

Come si manifesta la tubercolosi nel gatto? E' vero che provoca anche sintomi intestinali oltre che cutanei?

Gatto malato

Torniamo a parlare di tubercolosi nel gatto andando a vedere i sintomi. La tubercolosi è una malattia rara nel gatto, non la si vede così di frequente e questo perché il gatto è naturalmente resistente a questa tipologia di micobatteri. Effettivamente i gatti sono resistenti all'infezione da Mycobacterium tubercolosis, ma possono contrarre infezioni da Mycobacterium bovis, Mycobacterium avium complex e Mycobacterium microti. Tuttavia esiste un Micobatterio tipico del gatto, il Mycobacterium Lepraemurium: questo causa la lebbra felina. Si tratta di una malattia del gatto, non contagiosa per l'uomo e che provoca lo sviluppo di ulcere, dermatiti e granulomi cutanei che non guariscono.

Tubercolosi gatto: come si manifesta?

I gatti possono contrarre la tubercolosi durante la caccia, tramite i morsi. Effettivamente la modalità di trasmissione classica della tubercolosi nel gatto non è quella aerea come nel caso della tubercolosi umana, bensì quella alimentare. I sintomi tipici della tubercolosi nel gatto sono:

  • formazione di lesioni cutanee e noduli che non guariscono anche con le opportune terapie
  • forme gastroenteriche con formazione di noduli caseosi multipli a livello intestinale (a volte reperto occasionale durante chirurgia per altri motivi)
  • forme respiratorie
  • aumento di volume dei linfonodi mesenterici (a volte si ha anche solamente questo sintomo)

Purtroppo i gatti affetti da tubercolosi solitamente non vengono sottoposti a terapia: in caso di tubercolosi accertata, bisogna sopprimerli. E questo perché c'è un rischio di trasmissione all'uomo. Questo è valido in particolar modo per l'infezione da M. bovis. Secondo il Regolamento di Polizia Veterinaria, la tubercolosi nel gatto provocata da M. bovis è soggetta a denuncia istantanea, il che comporta la messa in atto di protocolli volti a tutelare la salute pubblica.

Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | Pixabay

  • shares
  • Mail