Tensione fra i gatti di casa, 6 consigli per ridurla

Tensione fra i gatti di casa, 6 consigli per ridurla

Vivere insieme a diversi gatti è certamente un’esperienza bellissima, ma che fare se tra i mici di casa c’è molta tensione? Ecco alcuni consigli utili per voi.

Guarda la galleria: Tensione fra i gatti di casa, come ridurla

Tensioni fra gatti: come comportarsi? Vivere in una famiglia con diversi gatti può essere senza dubbio piacevole, ma non sempre è tutto rose e fiori. Talvolta infatti, i mici di casa possono avere qualche attrito, e in casa rischia di esservi una tensione costante fra i nostri amici pelosi. Alcuni gatti ad esempio, hanno bisogno di molto tempo per accettare l’arrivo di un altro inquilino, oppure potrebbero sentirsi minacciati, in pericolo, e comportarsi in maniera ostile nei confronti di uno dei loro fratellini. Come fare dunque ad alleviare le tensioni fra i gatti e riportare la pace in casa? Ecco alcuni consigli utili per voi:

  • Studiate i gruppi sociali che si sono formati in casa fra i vostri gatti. Provate a capire se le tensioni fra i mici nascono in momenti specifici della giornata (ad esempio al momento della pappa), o in posti specifici della casa (ad esempio nella “zona lettiera”).
  • Create un accesso semplice alle risorse, come la zona per mangiare o quella dove fare i bisognini. Non tutti i gatti amano mangiare insieme nella stessa stanza, quindi cercate di capire se è questo il problema. Inoltre, cercate di fare in modo che vi siano diverse lettiere e non tutte nello stesso ambiente, in modo che, mentre fa i suoi bisognini, il micio non si senta minacciato dalla presenza di altri gatti. Insomma, non mettere il vostro gatto nella posizione di dover fare il bullo, difendere il territorio o in quella di dover avere paura quando va a mangiare, dormire o quando usa la lettiera.
  • Introduzione del nuovo gatto: non inserite il nuovo arrivato all’improvviso, ma rispettate i giusti tempi, facendo conoscere il nuovo fratellino in maniera graduale, in modo da ridurre al minimo lo stress, la paura e le preoccupazioni. Ricordate che il nuovo arrivato si trova in un territorio del tutto sconosciuto e deve conoscere persone e animali che non ha mai incontrato prima, per cui sarà preoccupato di essere attaccato. Per i gatti già residenti invece, il nuovo arrivato è visto come un intruso che può minacciare il territorio.
  • Aumentate lo spazio verticale, aggiungendo alberi per i gatti, scaffalature, scale, tiragraffi e così via. Fornite inoltre dei nascondigli per i vostri gatti, in modo che possano decidere se nascondersi ed osservare l’ambiente senza essere visti, trascorrendo il loro tempo in un posto sicuro.
  • Arricchite l’ambiente: i gatti sono nati per muoversi e cacciare, quindi sarà fondamentale lasciare loro dei giocattoli stimolanti che tengano alla larga la noia e favoriscano il divertimento. Ricordate, quando i gatti non hanno nulla da fare, rischiano di nascere tensioni e litigi.
  • Non punite i vostri gatti: qualsiasi tipo di punizione (come urlare contro i gatti, spruzzare acqua o dare una sculacciata) servirà solo ad aumentare la frustrazione dell’animale e la sua avversione nei confronti dell’altro. Ricordate che quello che dal vostro punto di vista è un “cattivo comportamento”, in realtà per il gatto è il solo comportamento accettabile e possibile. Invece di punire, cercate di capire cosa provoca le tensioni fra i mici.

via | Catbehaviorassociates.com

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog