Lo strano caso della civetta obesa che non riesce a volare

La strana storia della civetta che non riusciva a volare a causa dei chili di troppo.

civetta obesa

Oggi vogliamo raccontarvi una strana storia che è accaduta poche settimane fa al Suffolk Owl Sanctuary, un luogo in cui vengono ospitati tanti volatili bisognosi di cure e attenzioni.

Fra questi a quanto pare vi è una nuova arrivata, una civetta che non era in grado di volare. L’animale è stato trovato dentro una fossa, era bagnata fradicia, e i suoi salvatori avevano ipotizzato che la piccola non riuscisse a volare a causa di una ferita, o probabilmente perché aveva le ali molto bagnate. Ebbene, le cose non stavano esattamente così!

A raccontare i fatti sono stati gli stessi membri del centro, che attraverso la pagina Facebook spiegano che sono rimasti davvero sorpresi quando, dopo aver esaminato l’animale, hanno scoperto che si trattava “solamente” di un caso di estrema obesità.

Dopo averla pesata, abbiamo visto che pesava 245 g, e non era in grado di volare bene a causa dei depositi di grasso intorno al corpo. Questo è estremamente insolito per gli uccelli selvatici, quindi abbiamo dovuto indagare su alcuni scenari ovvi: il primo è che probabilmente si trattava di un uccello fuggito da una voliera. Purtroppo non vi era alcuna presenza di anelli o chip, e chiedere in giro nell'area locale non ci ha fornito alcuna risposta

hanno raccontato i membri del Santuario, aggiungendo che dopo aver osservato l’animale si sono resi conto che - in base al suo comportamento - era chiaro che non si trattava affatto di un esemplare cresciuto in cattività. La causa del sovrappeso a questo punto sembrava essere piuttosto chiara: si tratta di un insolito caso di obesità naturale!

Dopo ulteriori indagini, abbiamo anche scoperto che l'area in cui è stata salvata brulicava di topi e arvicole per via dell'inverno caldo e umido che abbiamo vissuto a dicembre. Da allora ha trascorso alcune settimane con noi sotto osservazione, ed è stata sottoposta a una dieta rigorosa. Ora possiamo felicemente affermare che è arrivata a un peso più naturale per il rilascio in libertà.

via | Facebook

  • shares
  • Mail