Vermifugo per cani, come si usa

Vermifugo per cani, come si usa

Come si usa il vermifugo per cani? Quando va dato? E come va dato? Ecco qualche consiglio sugli antiparassitari interni per cani.

Torniamo a parlare di un argomento molto gettonato: il vermifugo per cani. Come si usa? Quando? Molto spesso i proprietari di cani tendono al fai-da-te: vanno in farmacia o nei negozi di animali, comprano il primo vermifugo che gli capita a tiro e lo somministrano al cane. Il problema è che potrebbe o essere inutile (magari in quel momento il cane non ha i vermi intestinali) o inefficace (il vermifugo dato non è attivo contro i parassiti che il cane ha in quel momento). Ecco dunque qualche consiglio su come dare il vermifugo al cane.

Vermifugo per cani: quando darlo?

Il vermifugo per cani andrebbe dato quando ce n’è necessità. In alcuni casi non è facile fare degli esami delle feci, per cui la tendenza è dare comunque una o due volte all’anno un antiparassitari per parassiti interni al cane ad ampio spettro in modo da eliminare qualsiasi verme in cui il cane possa essere incappato, soprattutto se si tratta di cani che vanno parecchio per prati o boschi.

Anche cani che frequentano le aree cani dovrebbero essere tenuti maggiormente sotto controllo: vista l’alta concentrazione di cani presenti, è più probabile che possano contrarre qui infestazioni parassitarie.

Tuttavia in questo modo non è detto di aver risolto il problema: se in quel momento il cane non ha parassiti, avete dato un farmaco inutilmente (e magari il cane prende i vermi fra un mese o due). Inoltre non sapete quale tipo di parassiti erano eventualmente presenti: potreste aver usato un prodotto che contro quell’agente patogeno non serve a nulla.

Vermifugo per cani: l’importanza dell’esame feci

Per i motivi descritti sopra, sarebbe sempre meglio fare prima un esame delle feci prima di sverminare il cane. Con l’esame delle feci è possibile sapere quanti e quali tipi di parassiti sono presenti nel cane, in modo da sapere anche quale sia il prodotto più efficace.

Ci rendiamo conto che non è sempre facile trovare il tempo per prendere un semplice campione di feci e portarlo dal veterinario, ma se possibile fatelo.

Per determinati tipi di vermi, infatti, servono farmaci o protocolli particolare. Inoltre facendo un esame delle feci, eviterete di spendere soldi per farmaci inutili: non lamentatevi col veterinario se avete comprato un vermifugo di testa vostra, ma poi il cane ha altri parassiti che richiedono ulteriori farmaci, con nuova spesa da parte vostra. Se facevate subito l’esame delle feci, evitavate il primo, inutile acquisto.

Ricordatevi sempre di portare una congrua quantità di feci: non va bene né portare un pezzettino minuscolo (solitamente posizionato in fondo a un barattolo ad imboccatura stretta, cosa che vi assicuro non fa gioire il vostro veterinario perché per prendere quel minuscolo e quasi invisibile frammento deve fare i salti mortali), né riempire un barattolo con mezzo chilo di feci straripanti. Cercate di portare una quantità sensata, né troppa, né troppa poca.

Quale tipo di vermifugo usare?

La scelta del tipo di vermifugo dovrebbe rispettare come prima cosa l’esito degli esami delle feci: a seconda dei parassiti presenti, il vostro veterinario vi prescriverà il farmaco o i farmaci più adatti. Il plurale è d’obbligo perché non esiste un vermifugo universale che elimini qualsiasi tipo di nematode, cestode o protozoi dal cane: a volte è necessario associare più antiparassitari.

Inoltre non tutti i parassiti della medesima classe richiedono gli stessi farmaci: ci sono nematodi che rispondono ai farmaci consueti, ma ce ne sono altri che richiedono terapie più specifiche.

Una volta stabilito il principio attivo o i principi attivi più adatti, valuterete col veterinario quali siano le diverse formulazioni disponibili in commercio. Questo per capire se per il vostro cane sia più facile somministrare compresse, paste appetibili o gocce.

Deciso tutto ciò, il veterinario vi dirà come e quando prendere quel farmaco: vi dirà la frequenza di somministrazione, se va assunto vicino o lontano dai pasti e quando va eventualmente ripetuta la somministrazione.

Queste informazioni non sostituiscono in nessun caso una visita veterinaria. Ricordiamo che Petsblog non fornisce in nessun caso e per nessun motivo nomi e/o dosaggi di farmaci.

Foto | Pixabay

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog