Gattari da legare: Cerchiamo di andare d’accordo

Gattari da legare: Cerchiamo di andare d’accordo

Estate, tempo di visite e ritorni.

Ci siamo: trascorrerò un po’ di tempo a casa d mia madre con mia figlia, e la gatta più piccola verrà sloggiata dalla sua camera. Mi sento sempre terribilmente in colpa, ma che ci posso fare se lei non vuole dormire con noi? Penso che non sia entusiasta della presenza di una bambina di tre anni.

Tutti i torti non posso darglieli: nemmeno io ne sarei entusiasta. Non è che fare un figlio ti renda pazza di gioia alla vista dei bambini (degli altri). Quindi, inizierà la lotta di nervi con la gatta che ci guarda in cagnesco (gattesco) dalla cima delle scale.

La gatta mediana, invece, sarà come sempre ben disposta e felice di farsi inseguire. Lei è così: avremmo dovuto, senza ironia alcuna, impiegarla per la pet therapy. È una babysitter nata. La cosa che più mi sorprende è vedere ogni volta come ciascun gatto reagisca in maniera diversa, con buona pace delle generalizzazioni. Un gatto, un carattere. E speriamo che, crescendo, le due piccole di casa, bipede e quadrupede, trovino un compromesso.

Foto | Flickr

Seguici anche sui canali social

I Video di Petsblog